Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2022

Pubblicato il

Valditara: “Togliere Reddito di cittadinanza a chi non ha diploma scuola media”

di Redazione
La proposta provocatoria del Ministro: "Il Rdc per chi ha abbandonato gli studi significa premiare chi viola la Legge"
Giuseppe Valditara, Ministro dell'Istruzione e del Merito
Giuseppe Valditara

Togliere il Reddito di cittadinanza a chi non ha finito la scuola media: è la proposta provocatoria del ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara.

Secondo Valditara ci sono almeno 11.290 percettori del sussidio, compresi nell’età età 18-29 anni, che hanno solo la licenza elementare o nessun titolo.

Giovanissimi che preferiscono il sussidio all’impegno dignitoso

“Questi ragazzi preferiscono percepire il reddito anziché studiare e formarsi per costruire un proprio dignitoso progetto di vita. Il reddito collegato all’illegalità tollerata del mancato assolvimento dell’obbligo scolastico è inaccettabile moralmente”, ha affermato.

Secondo Giuseppe Valditara in “Italia ci sono 364.101 percettori di Reddito di cittadinanza nella fascia tra i 18 e i 29 anni. Di essi 11.290 possiede solo la licenza elementare o nessun titolo, e altri 128.710 soltanto il titolo di licenza media. Noi riteniamo si debba prevedere l’obbligo di completare il percorso scolastico per chi lo abbia illegalmente interrotto o un percorso di formazione professionale nel caso di persone con titolo di studio superiore ma non occupate né impegnate in aggiornamenti formativi, pena in entrambi i casi la perdita del reddito, o dell’eventuale misura assistenziale che dal 2024 lo sostituirà”.

Il paradosso: il sussidio che premia una violazione di legge

L’onorevole Valditara aggiunge che offrire il Reddito di cittadinanza a chi ha abbandonato gli studi e non lavora “significa legittimare e addirittura premiare una violazione di legge”. “Anche la percezione del reddito da parte di un giovane che ha titoli di studi superiori non ha impedimenti personali, o famigliari, ma non cerca un lavoro, né investe in formazione su se stesso, non è sostenibile economicamente e culturalmente”, ha detto il ministro.

Il Rdc subirà strutturali modifiche nel 2023 per essere in seguito abolito nel 2024, così secondo la Manovra approvata dal CdM.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo