Un successo l’Ex-Amleto di Roberto Herlitzka

1

Roberto Herlitzka, un grande esponente del Teatro classico italiano, torna in scena al teatro Lo Spazio di Roma, continuando una tournèe che da oltre dieci anni tocca i maggiori teatri italiani, Ex Amleto, un monologo scritto da lui stesso sull'Amleto di William Shakespeare.

Il monologo è nato dalla volontà di Herlitska di interpretare  Amleto, opera che nonostante la sua lunga e prestigiosa carriera teatrale non ha mai avuto l'occasione di mettere in scena. Così ha riscritto il testo rimanendo fedele alle parole e alle battute di Shakespeare modificandone la struttura, un Ex Amleto per l'appunto.

L'Amleto di Herlitzka è un Amleto allo specchio, non più giovane, introspettivo, alla fine della sua vita, rappresentato nel  suo flusso di pensieri e riflessioni esistenziali, in cui si sente vibrare l'uomo Herlitzka nella sua maturità  come fosse un racconto autobiografico.    

E' un dialogo interiore di Amleto con se stesso intenso e essenziale, un aggrovigliarsi di sensazioni, paure, inquietudini e speranze, messe in scena da Herlitzka con una indiscussa abilità di recitazione e di mimica,  dando forma teatrale al turbinìo di pensieri e di emozioni che attraversano l'anima di Amleto, rendendola quanto mai moderna nel suo esistenzialismo.

E' un gioco teatrale di proiezioni e suggestioni dalle quali prende forma un Amleto inquieto e a volte struggente di fronte alla vita, alla morte e al silenzio, un Amleto  solo,  accompagnato dai suoi fantasmi, i protagonisti dell'opera shakespeariana il padre, la madre, il fratello Claudio.

Lo spettacolo è incentrato sull'abilità di Herlitzka di evocare i personaggi shakespeariani e renderli vivi, reali, come delle ombre nell'anima di Amleto che si materializzano sulla scena di volta in volta attraverso la voce e la mimica  teatrale del viso e del corpo di Herlitzka. Anche gli oggetti  usati nella rappresentazione hanno un valore simbolico assumendo di volta in volta forma e funzione attraverso la suggestione creata in scena dall'attore.

Herlitzka  calca da solo lo spazio scenico del Teatro allestito con una scenografia essenziale, una sedia e un teschio poggiato a terra davanti a una piccola platea raccolta, unisce il nuovo al vecchio, la tradizione classica con l'innovazione teatrale, attraverso le sue doti carismatiche di attore e la sua intensità umana.