Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2022

Pubblicato il

Dov’è la differenza con l’esecrata Russia?

Ucraina, siamo alle (presunte) liste di proscrizione dei (presunti) filo-Putin

di Mirko Ciminiello
Il Corsera pubblica gli elenchi dei nostri 007 (che smentiscono) su giornalisti e influencer bollati come propagandisti: perché hanno opinioni non allineate col pensiero unico
Bavaglio alla libertà d'espressione, Ucraina
Bavaglio alla libertà d'espressione

A quanto pare, adesso avere sulla guerra in Ucraina un’opinione non allineata col pensiero unico (nonché col Governo) significa essere ipso factofilo-Putin”. E dunque meritare di essere “attenzionati” dai servizi segreti italiani, come ha rivelato il Corriere della Sera. Venendo in realtà smentito dal Copasir (l’organo parlamentare che controlla l’operato dei nostri 007), che però contestualmente ha confermato l’esistenza dell’orwelliana inchiesta.

Bavaglio alla libertà d'espressione, Ucraina
Bavaglio alla libertà d’espressione

Liste di proscrizione sulla guerra in Ucraina

“La rete della propaganda di Putin in Italia: influencer e opinionisti, dai social ai giornali”. Così il Corsera annunciava la diffusione del dossier «sulle forme di disinformazione e di ingerenza straniere, anche con riferimento alle minacce ibride e di natura cibernetica».

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Un report costruito sulla base di «materiale raccolto» dal Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, per gli amici Copasir. E corredato da quelle che Il Fatto Quotidiano non ha esitato a definire «foto “segnaletiche”» di giornalisti, politici, influencer, blogger accusati di essere “megafoni” di Mosca. I più celebri, probabilmente, sono il professor Alessandro Orsini, d’altronde già censurato dalla Rai, e il senatore ex pentastellato Vito Petrocelli.

Alessandro Orsini
Alessandro Orsini

Una vera e propria «lista di proscrizione», ha attaccato Piero Sansonetti, direttore de Il Riformista, aggiungendo che è una «vergogna per il giornalismo italiano». Parole analoghe a quelle del filosofo Massimo Cacciari, secondo cui, come riferisce Il Tempo, «siamo alla demonizzazione universale senza verifiche».

Un’indagine orwelliana

In realtà, il Presidente del Copasir Adolfo Urso ha disconosciuto l’elenco del principale quotidiano del Belpaese – e con esso la velina dell’intelligence. Però ha anche ammesso che «abbiamo attivato un’indagine alla fine della quale, ove lo ritenessimo, produrremo una specifica relazione al Parlamento». Un’indagine che, come puntualizza Sky TG24, è partita lo scorso 4 maggio.

Adolfo Urso
Adolfo Urso

Tale iniziativa richiama alla mente la psicopolizia di 1984 di George Orwell, apparendo orientata più che altro a comprimere il dibattito pubblico sul conflitto in Ucraina. Mettendo nel mirino chi si discosta dalla narrazione dominante per danneggiarne la reputazione, escluderne la voce dall’agone e magari troncarne la carriera. Non a caso, scrive Il Giornale, una fonte di Bruxelles ha affermato che «l’Ue non sanziona le persone per metterle a tacere ma per cambiare il loro comportamento».

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina

Una sola domanda: alla luce di quanto esposto, in che modo esattamente la cosiddetta “civiltà occidentale” sarebbe diversa dalla tanto esecrata Russia?

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo