Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2022

Pubblicato il

Oggi in Senato il voto sulle comunicazioni del Premier Draghi

Ucraina, l’invio di nuove armi a Kiev fa tremare (di nuovo) il Governo

di Mirko Ciminiello
Il M5S è lacerato dalla faida tra Conte e Di Maio, ma le tensioni attraversano anche Pd e Lega. Nonostante tutto, però, la tenuta dell’esecutivo non dovrebbe essere a rischio
Invio di armi in Ucraina
Invio di armi in Ucraina

Il Premier Mario Draghi renderà oggi a Palazzo Madama delle comunicazioni inerenti la guerra in Ucraina, incluso l’invio di nuovi rifornimenti bellici a Kiev. Un passaggio che vari commentatori considerano come un’ennesima prova di sopravvivenza, soprattutto alla luce delle tensioni inter- e intra-partitiche. Tuttavia, è improbabile che vi siano rischi concreti per la tenuta del Governo.

Invio di armi in Ucraina
Invio di armi in Ucraina

Le comunicazioni del Premier Draghi in Senato

«Il 21 giugno non prendete impegni. È il giorno in cui i grillini tenteranno l’assalto contro Draghi in Senato». Così, come riporta Askanews, profetizzava il leader italovivo Matteo Renzi nella sua Enews dello scorso 30 maggio (quindi in tempi non – così – sospetti). Tre settimane e un turno di Amministrative dopo, si prospetta un inizio estate davvero infuocato, e non solo a livello meteorologico.

In parte la causa è da ricercare nell’onda lunga delle Comunali che, tra l’altro, hanno certificato ulteriormente lo stato comatoso del Movimento 5 Stelle. Spingendo parte del Pd, come riferisce Il Giornale, a mugugnare contro il «campo largo» imposto dal segretario Enrico “stai sereno” Letta a spese dell’alleanza coi centristi.

Enrico Letta
Enrico Letta

L’invio di nuove armi all’Ucraina

Il vero nodo del contendere, però, è sempre la vexata quaestio dell’invio di nuove armi in Ucraina, osteggiato sia dalla Lega che, soprattutto, dal M5S. Dalle parti di via Bellerio il segretario Matteo Salvini è in difficoltà, scrive Il Riformista, per «i tanti errori» degli ultimi tre anni. Dal ritiro del sostegno al primo esecutivo di Giuseppe Conte allo scacco nella partita per il Quirinale, fino al recentissimo flop dei referendum sulla giustizia.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

I grillini invece sono lacerati dalla faida tra lo stesso ex Avvocato del Popolo e il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Il quale, commentando una bozza di risoluzione approntata da alcuni senatori pentastellati (e definita “superata”), aveva dichiarato che «ci disallinea dall’alleanza della Nato e dell’Ue». E per questo è stato “processato” dal Consiglio Nazionale del MoVimento, che lo ha accusato di «gettare grave discredito sull’intera comunità politica del M5S, senza fondamento».

I vertici dei Cinque Stelle hanno aggiunto che «la linea euroatlantica non è mai stata messa in discussione». E benché, come ricorda Il Fatto Quotidiano, la paventata espulsione del titolare della Farnesina sia stata congelata, più che di pace si tratta di una tregua armata.

La faida tra Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
La faida tra Giuseppe Conte e Luigi Di Maio

In ogni caso, l’ipotesi di un agguato parlamentare all’inquilino di Palazzo Chigi appare piuttosto remota. Sia perché Giuseppi continua ad assicurare che non c’è alcuna intenzione di provocare una crisi, sia – soprattutto – perché all’onorevole pensione mancano ancora tre mesi. E c’è da scommettere, parafrasando Fabrizio De André (che a sua volta citava Dante Alighieri), che più dell’onor potrà ancora il digiuno.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo