19 Maggio 2021

Pubblicato il

Trasporti. 30 mln per “Nodo” Roma, da Pigneto a Tiburtina

di Redazione

Un verbale di intesa siglato tra l'assessore ai Trasporti di Roma Capitale Guido Improta e l'ad di Rete Ferroviaria Italiana Massimo Gentile

Rete Ferroviaria Italiana e Roma Capitale hanno firmato un verbale di intesa nella sede dell'Assessorato alla Mobilità, che porta le firme di Maurizio Gentile, ad di RFI, e di Guido Improta, assessore ai Trasporti di Roma Capitale, e che prevede, per la prima fase attuativa del nuovo impulso alla cura del ferro a Roma uno sviluppo infrastrutturale e tecnologico del nodo di Roma, con l'avvio di interventi nel breve e medio periodo, per potenziare e migliorare il sistema ferroviario metropolitano e regionale.

"Dopo l'intesa raggiunta per la realizzazione della fermata Fl2 di Ponte di Nona – si legge in una nota dell'Assessorato – si sono create le premesse per stipulare un accordo operativo per programmare e definire, anche con la Regione Lazio, un nuovo modello di servizi nel nodo di Roma sono stati programmati interventi, alcuni già in corso, per l'upgrading tecnologico e il potenziamento delle stazioni, il completamento e la sistemazione dell'assetto urbanistico e viario dell'area di Tiburtina e la realizzazione di nuove infrastrutture per l'interscambio gomma/ferro per un investimento complessivo di circa 300 milioni di euro, di cui quasi 185 già finanziati".

Secondo Gentile di RFI, "l'intesa sottoscritta oggi conferma la cura del ferro programmata e avviata da Rete ferroviaria italiana per realizzare, nel territorio di Roma, un'infrastruttura ferroviaria adeguata e funzionale alla crescente domanda di traffico da e per la Capitale. Insieme al rinnovato impulso, l'intesa sarà anche l'occasione – aggiunge Gentile – per una sinergia sempre più stringente fra RFI e Roma Capitale sul tema, sia per la pianificazione degli interventi sia per il reperimento dei finanziamenti necessari".

Potenziamento del trasporto pubblico: questo l'obiettivo che l'assessore Improta vuole raggiungere tramite l'accordo con RFI che – dichiara – "risponde all'esigenza di dar vita a nuove forme di collaborazione strategica tra gli attori coinvolti nel settore dei trasporti, al fine di garantire ai cittadini un potenziamento del trasporto pubblico a infrastrutture esistenti, così come previsto nel nuovo Pgtu".

"L'attività di contrasto della mobilità privata – aggiunge Improta – tenuto conto di un contesto socio-economico nel quale le risorse disponibili sono in calo e dell'esigenza di compatibilità ambientale, non può che essere ricercata nell'intermodalità e dunque nell'integrazione tra ferro e gomma".

Sono state individuate in particolare delle aree nell'ambito di questo progetto. E sono:

– ROMA TIBURTINA. A Roma Tiburtina saranno valorizzate le aree adiacenti la stazione (revisione e aggiornamento del Piano di assetto, nuove viabilità, riqualificazione urbanistica, parcheggi).

– NODO DI ROMA. Nel nodo di Roma, per incrementare la capacità di traffico, saranno potenziati i sistemi di gestione e controllo della circolazione ferroviaria e di distanziamento in sicurezza dei treni.

– PIGNETO. Al Pigneto sarà realizzata la nuova fermata, per l'interscambio ferro/ferro con le linee Fl1, Fl3 e metro C.

– STAZIONE DI ROMA CIAMPINO E ROMA CASILINA. Nelle stazioni Roma Ciampino e Roma Casilina saranno attivati nuovi apparati centrali computerizzati, per il controllo e la gestione della circolazione, che permetteranno l'eliminazione delle interferenze dei flussi di traffico metropolitani/regionali con quelli merci.

Per il completamento dell'anello ferroviario Nord saranno avviati gli approfondimenti per l'attivazione della prima fase funzionale fra Vigna Clara e Valle Aurelia e l'adeguamento dell'infrastruttura esistente. Sarà poi avviato lo studio di fattibilità per il potenziamento della stazione di Magliana funzionale, nel medio/lungo termine, per il nuovo stadio previsto.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento