28 Ottobre 2021

Pubblicato il

Teatro Olimpico “MOMIX”, Duetto 2000,La Cenicienta

di Redazione
Grande spettacolo al teatro Olimpico di Roma,l'Accademia Filarmonica Romana con MOMIX, Duetto 2000 e La Cenicienta FOTO

A grande richiesta torna a Roma, per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana al Teatro Olimpico, Alchemy, l’ultima creatura di Moses Pendleton per la sua compagnia MOMIX.

Dal 18 al 30 novembre l’inesauribile magia della inimitabile compagnia americana di ballerini-illusionisti ripresenta, dopo il grande successo e una serie straordinaria di sold out della scorsa stagione lo spettacolo che tratta dell’arte dell’alchimia e dell’alchimia dell’arte.

Un lavoro pieno di fantasia, di ironia, di bellezza, di mistero, dedicato al mondo minerale sulla scorta dei maghi alchimisti e ispirato all'eterna ricerca dell'oro, segreto che vive nel profondo della nostra essenza, rivelato solo dagli uomini capaci di scrutare il mondo con occhi creativi.

Miscelando le sostanze base nei loro alambicchi e nelle loro fornaci, gli antichi alchimisti cercavano l’elisir di lunga vita o la formula dell’oro.

E in Alchemy Pendleton svela i segreti dei quattro elementi primordiali: terra, aria, fuoco e acqua per creare uno spettacolo che sprigiona arcane suggestioni e attira il pubblico in una dimensione surreale.

Quadri dominati dal rosso, bianco, nero e oro, i colori alchemici chiave, forze primordiali e incanti misteriosi attirano lo spettatore in un vortice di suggestioni alla ricerca dell’armonia come essenza profonda della vita.

È l’incantesimo MOMIX con Moses Pendleton «Mago dei Maghi».

Gli alchimisti non lavoravano da soli, evocavano gli spiriti per essere aiutati nei loro riti segreti, allo stesso modo si dispiega il processo creativo di Alchemy, con gli «apprendisti – stregoni» MOMIX ad assistere e supportare Pendleton nel percorso.

Per questa sua recente avventura, Pendleton che nel 2012 l’Accademia Filarmonica Romana ha nominato suo Accademico (primo coreografo ad essere insignito di tale riconoscimento), si è ispirato al racconto di W.B.Yeats “Rosa Alchemica” e, fedele allo spirito di innovazione che da sempre accompagna la sua celebre compagnia,  ha accostato la costante ricerca della danza a quella degli "…innumerevoli alchimisti divini, che lavorassero continuamente a trasformare il piombo in oro, la stanchezza in estasi, i corpi in anime, la tenebra in Dio; e di fronte alla loro opera perfetta avvertii il peso della mia condizione di mortale, e invocai a gran voce, come tanti altri sognatori e letterati di questa nostra età hanno invocato, la nascita di quella raffinata bellezza spirituale che sola potrebbe sollevare e rapire anime gravate di tanti sogni.

Uno spettacolo da vedere e rivedere, per non smettere mai di emozionarsi.

Dopo Bothanica ispirato al mondo vegetale, ecco Alchemy su quello minerale, trionfo di visioni di corpi di luce, danza e suoni. (…) il modo di lavorare dei Momix vanta il maggior numero di imitazioni che un gruppo di danza possa suggerire in oltre trent’anni di carriera, ma certo, non tutti hanno l’elfo Pendleton a rimestare nel crogiuolo, a tirar fuori le magiche illusioni che hanno fatto la sua fama, soprattutto in Italia, dove appunto ha voluto far debuttare la sua ultima creazione, e Roma, in particolare, dove ha stretto un legame indissolubile con la Filarmonica Romana (sigillato da un diploma di accademico, il primo a un coreografo…)”.

L’Unità, Rossella Battisti  – 2 febbraio 2013

“La nuova creazione di Moses Pendleton ha scelto Ravenna per il suo primo vagito mondiale e, qui, al Teatro Alighieri, ha registrato per un'intera settimana un incoraggiante, forse scontato, successo. Inutile ripetere quanto il solo nome Momix goda d'immarcescibile attrattiva: ma ogni hit ha proprie caratteristiche, cliché e novità, a cominciare dal titolo”.

 Marinella Guatterini, Il Sole 24 Ore – 10 febbraio 2013

“Alchemy destinato a un tour pluriennale, visto al teatro Nuovo di Milano, è l’ultima fatica, baciata come sempre da gran successo, del coreografo americano, e come sempre è un mix, cioè Mo (Ses) Mix,  di danza, atletismi ginnici, proiezioni video, giochi visivi, magie di ogni genere. Alchimia, quindi un viaggio alla ricerca della pietra filosofale, ma anche un affondo nella mitologia dei quattro elementi naturali (aria, terra, acqua, fuoco) con una svolta finale nell'oro, il fine ultimo di ogni buon alchimista”.

Sergio Trombetta,  sergiotrombetta.com, 24 marzo 2013

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo