Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2021

Pubblicato il

SS Lazio, contro l’Auronzo bene i giovani. Cavanda in uscita

di Redazione
Prima amichevole stagionale per Pioli&co. Morrison e Keita sugli scudi, bene anche Patric. Cavanda andrà in Turchia

Ad un certo punto di Lazio-Auronzo (prima amichevole della pre-season, finita 14-0), Ravel Morrison fa filtrare il pallone di rabona. La folla è in visibilio. Un colpo da fenomeno basta a scacciare le critiche delle ultime settimane. L'inglese incanta la platea veneta, colma dei supporter laziali, con giocate pazzesche. Colpi di tacco, filtranti a occhi chiusi fanno da antipasto alla doppietta messa a segno. È lui la notizia. L'entusiasmo per Ravel è alle stelle, abche agli scettici tocca applaudirlo.

Da Morrison a Keita. Funziona la linea giovane in casa Lazio. KBD14 ne mette a referto quattro. Inizia la stagione con un poker e dimostra la volontà di riprendersi il posto da titolare. Dopo un'annata in panchina a scontare qualche colpo di testa di troppo, ricomincia come aveva finito sotto Reja (ormai due stagioni fa): fra dribbling brucianti e gol Keita torna a vestire i panni del giovane prodigio e il pubblico lo acclama. Pace ritrovata, almeno per ora.

Buone nuove arrivano anche da altri 'bimbi sperduti'. A partire da Brayan Perea che segna e funziona come boa centrale. Ad Auronzo dovrà convincere Pioli a bloccarne la partenza, per evitare l'ennesimo prestito. A Roma ancora aspettano che confermi i il buon curriculum del passato, quando i gol con il Deportivo Calì e al Sub-20 illusero tutti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Chi sembra non volersi fermare è Oikonomidis, il bomber che viene dalla lontana Australia – dove già gioca in Nazionale maggiore -. Nella scorsa stagione ha trascinato la Primavera, ieri ha segnato e messo in mostra le sue doti. È una punta rapida, che vede la porta con grande frequenza. Anche contro l'Auronzo è stato implacabile. Le premesse per un futuro (roseo) in prima squadra sono innegabili.

Dovuta menzione per l'ultimo arrivato: Patric, il quarto a destra ex Barcellona B. Lotito e Tare l'hanno preso a parametro zero, puntano su di lui perchè diventi il Basta di domani. La prestazione contro i veneti fa ben sperare: a destra copre con attenzione e si proietta in avanti senza freni. Scuola Dani alves, difatti dalle tante sgroppate nasce anche un gol. Insomma il profilo é interessante, Patric è un esterno basso moderno: si sacrifica dietro e davanti si comporta come un attaccante aggiunto. E con la partenza di Cavanda – andrà per circa 2,6 milioni al Trabzonspor – gli spazi per l'ex canterano blaugrana saranno importanti.

Ieri ha esordito anche l'olandese Hoedt, quasi perfetto ieri. Il suo futuro sembra essere già scritto: è stato uno dei centrali migliori delle Eredivise, dovesse continuare così, gli spetterebbe il posto accanto a de Vrij. 

Solo Pioli saprà fra i giovani talenti a sua disposizione su chi puntare realmente. D'altronde l'esplosione di Cataldi porta anche la firma del tecnico. Morrison e Keita partono in pole. Ma si sa, il calcio d'estate serve solo per non annoiarsi sotto l'ombrellone.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo