Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Dicembre 2022

Pubblicato il

Mobilitazione studentesca

Scuola, venerdì 18 novembre attesi 100 mila studenti nelle piazze italiane

di Redazione
La prima mobilitazione studentesca nazionale da quando si è insediato il Governo Meloni
Corteo studenti a Roma
Corteo studentesco nella Capitale

Domani si svolgerà la prima mobilitazione studentesca nazionale di questo autunno e la prima da quando si è insediato il Governo Meloni. Per la Rete degli Studenti Medi e l‘Unione degli Universitari sarà “una giornata di mobilitazione ampia e plurale”. Sono previsti in piazza più di 100mila studenti e studentesse in tutto il Paese e alle manifestazioni organizzate dei due sindacati studenteschi aderiscono anche collettivi, associazioni e molte realtà studentesche in tutta Italia.

“Dall’estate scorsa – raccontano da Rete Studenti e Udu – ci si è impegnati nella costruzione del Manifesto Da Zero a Cento che conteneva cento proposte studentesche per le Elezioni Politiche dello scorso 25 Settembre. Gli studenti chiedevano ai candidati e alle candidate di sottoscrivere e prendere impegni sul Diritto allo Studio, sulla giustizia ambientale, sul lavoro garantito e retribuito e sicuro, sul diritto al benessere mentale.

In 136 lo hanno firmato tra Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Sinistra Verdi e Unione Popolare, ma nessuno dei partiti che ora compongono la maggioranza di Governo”. “Dall’insediamento del Governo e del Ministero Valditara- continuano gli studenti- nessuno ha considerato gli studenti come interlocutori. Le aperture del ministro, fatte dopo aver cambiato nome al ministero aggiungendo ‘Merito’, sono false perché non è conseguita nessuna convocazione ufficiale.

Gli strumenti per ascoltare gli studenti ci sono e sono anni che esistono proposte strutturate da parte di Rete Studenti e Udu sull’istruzione. Eppure sono state fatte solo dichiarazioni a mezzo stampa. I temi su cui bisognerebbe intervenire e su cui questo Governo non proferisce parola, nonostante l’approvazione della Legge di Bilancio sia ormai alle porte, sono tanti.

Ad ora emerge la volontà di tagliare su scuola e istruzione da qui ai prossimi anni”. “Non ci stiamo – dicono i giovani – Vogliamo lanciare un messaggio al Governo Meloni, al ministro Valditara e alla ministra Bernini chiaro: gli studenti sono pronti a difendere il Diritto allo Studio e vogliono costruire una scuola e un Paese diverso. Domani 18 novembre, saranno in tutte le città per portare le loro rivendicazioni”.

(Adi/ Dire) 

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo