14 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma. Uomo morto in metro, linea A sospesa, navette insufficienti e gravi disagi

di Redazione

Non è chiara ancora la dinamica dell'incidente. In corso gli accertamenti dell'autorità Giudiziaria. Circolazione ancora sospesa. Servizio navette non all'altezza

Un uomo di circa 30 anni è stato investito da un convoglio della metro nella fermata della stazione Manzoni della linea A . E' successo intorno alle 18. Il servizio è stato interrotto lungo la tratta Anagnina – Ottaviano, per permettere le operazioni di soccorso alla persona sui binari, risultata poi deceduta, e per i rilievi del caso, mentre risulta attivo, secondo il sito dell'Atac, con rallentamenti tra Ottaviano e Battistini. Sul posto si sono recati i vigili del fuoco e la polizia.

Non è chiara ancora la dinamica dell'incidente. In corso gli accertamenti dell'autorità Giudiziaria. Circolazione ancora sospesa. L'azienda capitolina del trasporto ha attivato i bus sostitutivi, che come spesso accade sono insufficienti per il numero deli utenti rimasti a piedi. "Navette completamente insufficienti e mancanza anche di altri bus. Oggi non abbiamo preso le macchine però i bus lasciateceli. Se La metro va in tilt come adesso ci rovinate", scrive un' utente testimone dei disagi, al sito dell'Atac.

"Sperare di salire sulla navetta a Pontelungo è come trovare l'acqua nel deserto", commenta un' altra fruitice dei mezzi pubblici. "Fermata 75506 Tuscolana, sono passate almeno 5 navette e nessuna si è fermata perché piene di gente…efficienti", ironizza un viaggiatore, rimasto a piedi. "Qui a Ottaviano è strapieno, c'è stata la partita quindi dovreste mettere più navette", si lamenta un cittadino, e "Le navette non passano ed é pieno di gente che attende! Andiamo proprio bene!", fa eco un altro. E domani si ricomincia, o meglio si prosegue: lo sciopero di 24 ore di bus, metro e ferrovie pare sia confermato. (Foto di repertorio)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento