Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2021

Pubblicato il

Roma, San Lorenzo. Un boato spaventoso e crolla il muro di Villa Mercede

di Redazione
Nel pieno della movida ha ceduto un tratto di una ventina di metri, lungo via dei Marruccini. Miracolosamente, nessun ferito

Poteva andare molto, molto peggio.  Innanzitutto, perché a cadere è stato un lungo tratto del muro esterno di Villa Mercede: una ventina di metri che si sono abbattuti di colpo, e con un boato fragoroso, sul marciapiede di via dei Marruccini. Poi, perché il crollo è avvenuto nella serata di un sabato e in un quartiere, quello di San Lorenzo, affollato di giovani che vanno e vengono in una movida incessante.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In un primo tempo, infatti, il timore c’è stato. Il timore che qualcuno potesse essere stato colpito dalle macerie. Invece no, per fortuna. Soltanto danni ai veicoli parcheggiati, sette automobili e due motociclette, ma nessun ferito, neanche lieve.

L’intervento delle forze dell’ordine è stato massiccio: carabinieri, polizia di stato e polizia locale, con l’aggiunta dei vigili del fuoco. La strada è stata momentaneamente chiusa al traffico e l’episodio si è risolto in un disagio tutto sommato marginale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sarà indispensabile, però, che la mancanza di conseguenze più gravi non induca a sottovalutare l’accaduto. Villa Mercede, infatti, ospita un parco pubblico e una biblioteca comunale. Essendo perciò un luogo, come si legge sul sito della Sovraintendenza, “molto frequentato ed importante per gli abitanti della zona”. Il rischio di un nuovo crollo va scongiurato nell'unico modo possibile: a suon di controlli accurati e di manutenziona assidua.

Leggi anche:

Caso Desirée. Venditti: un delitto che non appartiene a San Lorenzo

Incendio TMB Salario. Quanta paura dobbiamo avere, della diossina?

Per Raffaele Marra condanna a 3 anni e 6 mesi: fu corruzione

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo