01 Agosto 2021

Pubblicato il

Roma, San Lorenzo: ritirata strategica di Forza Nuova, ancora uno smacco

di Redazione

L'obiettivo del partito di estrema destra era quello di organizzare un corteo a San Lorenzo, fino al punto dove fu uccisa la giovane Desiree

È finita con una ritirata strategica. Nessun corteo di Forza nuova a San Lorenzo. Di fronte alla risposta del mondo antifascista, che per tutta la mattinata ha organizzato presidi in diversi punti del quartiere alla presenza di alcune centinaia di persone, l'associazione di estrema destra si è limitata a tentare di avvicinare la zona di via del Lucani con il leader Roberto Fiore ed un pugno di militanti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ma a quanto ha fatto sapere la stessa Forza Nuova il segretario è stato fermato dalla Digos e portato in Questura. È il secondo blitz tecnicamente fallito da Forza Nuova. Dopo il tentativo di bloccare la visita di Mimmo Lucano a La Sapienza, qualche settimana fa, sfumato di fronte alle migliaia di persone presenti sotto la Minerva, oggi l'obiettivo del partito di estrema destra era quello di organizzare un corteo a San Lorenzo, per altro mai autorizzato dalla Questura, fino a via dei Lucani, dove l'anno scorso la giovane Desiree Mariottini fu uccisa da un gruppo di stranieri.

Per tutta la mattinata gli estremisti di destra sono stati segnalati in zone diverse del quartiere. Ma erano sempre falsi allarmi. Alla fine è stato uno scarno comunicato di Forza Nuova a decretare la fine della sfida a distanza con gli antifascisti: Fiore in caserma, nessuna manifestazione e tante critiche alla Polizia.

Il presidio, però, organizzato, da 'Libera Repubblica di San Lorenzo', movimento all'interno del quale confluiscono diversi centri sociali, 'Communia', 'Non una di meno' ed 'Esc', resterà a San Lorenzo fino a questa sera, in forma ridotta. (Zap/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento