23 Ottobre 2021

Pubblicato il

Dipendente comunale No vax

Roma, la dipendente comunale No vax: “Tra malattie e ferie resto a casa fino a dicembre”

di Lorenzo Villanetti
Una dipendente comunale No vax a Roma svela il curioso "slalom" che dovrà compiere quando il Green Pass sarà esteso a tutti i lavoratori
green pass
Green pass

Ha 50 anni, è una dipendente comunale a Roma, non si vaccina e non ha il green pass. In un’intervista rilasciata a Leggo, ha rivelato il curioso “slalom” che dovrà compiere da venerdì 15 ottobre – quando l’obbligo di Green Pass sarà esteso a tutti i lavoratori – al 31 dicembre, data in cui è fissata la fine dello stato di emergenza.

“Il giorno critico è venerdì. Nei primi giorni farò un paio di tamponi, poi giocherò d’astuzia, prendendo i giorni di malattia, le ferie, le ore di lavoro che devo recuperare. Dovrei riuscire ad arrivare senza difficoltà fino al 31 dicembre” spiega. “Sarò comunque stremata. I colleghi vaccinati fanno mobbing e se la mascherina è lievemente abbassata ti richiamano subito”.

“Tamponi? È costoso”

“Fare i tamponi è costoso. Dovrei farne due o tre a settimana, 15 euro l’uno. Si trovano pacchetti da 10 a 100 euro. Alla fine del mese questi soldi si fanno sentire, e noi guadagniamo 1500 euro al mese. Ho visto colleghe contare fino all’ultimo centesimo ogni mese e mettersi a piangere all’idea di questa nuova spesa. Perché non mi vaccino? È una questione ideologica e ho anche motivi di salute. Sono a rischio trombosi ma non lo farei neppure se fossi certa di non correre pericolo. Ho chiesto di lavorare in smart working ma non mi è consentito. Dicono che non si può più, ma potrei fare bene il mio lavoro pure da casa”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo