Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Settembre 2020

Pubblicato il

Appello alla sindaca

Roma, incendio 7 bus deposito Magliana, sindacati contro la Raggi

di Redazione

Le forze dell'ordine dopo aver raccolto materiale e dati sul posto apriranno un fascicolo contro ignoti per scoprire le cause dell'incendio, soprattutto se si tratta di un rogo di origine dolosa

Deposito Magliana bus dati alle fiamme
Deposito Magliana bus dati alle fiamme

Bus del deposito Magliana, a Roma, dati alle fiamme. “Non serve neppure più esprimere sconcerto, per quanto accaduto la notte scorsa, tra 2 e 3 giugno, nel deposito Atac di Magliana, dove un incendio ha danneggiato 7 vetture. La rimessa si trova in via Candoni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Si tratta, infatti, dell’ennesimo grave fatto che avviene in un deposito in cui le situazioni incresciose sono all’ordine del giorno.

Nell’attesa che vengano reperite le prove ufficiali di quest’ultimo episodio, siamo a ribadire lo stato grave in cui versa il deposito. Furti, aggressioni, incendi, sassaiole sono, infatti, solo alcuni degli episodi a cui sono sottoposti ogni giorni gli operatori del settore che appartengono alla rimessa. Abbiamo denunciato l’accaduto più volte, continuano i Segretari, ma senza che ci sia stato alcun intervento, neppure temporaneo.

Chiediamo alla Sindaca Raggi un intervento urgente, che possa tutelare la sicurezza del deposito e dei lavoratori, ma anche dello stato. Chiediamo anche pulizia e sanificazione delle vetture, che vengono letteralmente assaltate sia in uscita che in entrata.

Non possiamo permettere che un degrado così ampio e palese agli occhi di tutti, possa compromettere il trasporto pubblico per i cittadini di Roma”. Così in un comunicato Daniele Fuligni, Filt Cgil, Roberto Ricci, Fit Cisl, Massimo Proietti, Uiltrasporti e Lucio Valeri, Ugl Fna.

Le forze dell’ordine dopo aver raccolto materiale e dati sul posto apriranno un fascicolo contro ignoti per scoprire le cause dell’incendio, soprattutto se si tratta di un rogo di origine dolosa.

Leggi anche:

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento