12 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma. Donne, appello “Non Una di Meno” per corteo sabato contro la violenza

di Redazione

Ogni 72 ore in Italia una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza, solitamente il suo partner

'Contro la vostra violenza, la nostra rivolta'. Così il movimento transfemminista Non Una Di Meno chiama alla mobilitazione per la manifestazione contro la violenza maschile sulle donne che si terrà sabato 23 novembre a Roma, con partenza alle ore 14 da piazza della Repubblica. L'indomani, domenica 24 novembre, al Nuovo Cinema Palazzo dalle ore 10 si terrà l'assemblea nazionale del movimento. Questo l'appello pubblicato dalle attiviste sul loro blog e condiviso sui social: 'In tutto il mondo le donne sono in rivolta contro la violenza patriarcale, razzista, istituzionale, ambientale ed economica. In Sud America, in Medio Oriente, in Asia, in Africa, in Europa le donne e le persone lgbtqipa+, stanno affermando chiaramente che nessun processo di democratizzazione e liberazione è possibile senza trasformazione radicale dell'esistente.

In Cile, in Messico, in Ecuador, in Argentina, in Brasile, le donne lottano contro la violenza patriarcale e economica che attacca i corpi e l'ambiente. Le donne curde stanno difendendo e portando avanti un processo rivoluzionario femminista, ecologista e democratico e combattono per la liberazione da ogni fondamentalismo e contro l'autoritarismo turco. Il 23 novembre ci uniremo a queste sollevazioni globali, dalle quali traiamo forza e convinzione'. 'Abbiamo disvelato la natura strutturale e politica della violenza maschile- sottolinea Non Una Di Meno– che agisce sulle donne e sulle soggettività lgbtqipa+. A quattro anni dall'esplosione del movimento femminista è il momento di affermare, a partire dalle lotte, dalle pratiche, dalla solidarietà femminista, rivendicazioni chiare e non negoziabili su cui vogliamo risposte.

Ogni 72 ore in Italia una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza, solitamente il suo partner, e continuano le violenze omolesbotransfobiche. Sono i giornali a valutare quale dei tanti femminicidi debba essere raccontato e come. Quello del 'gigante buono' – come nel caso di Elisa Pomarelli – o quello di chi 'se l'e' cercata'. Quello della vittima dell'invasore nero o del raptus di gelosia, nel caso si tratti di un marito italiano'.

Continua l'appello delle attiviste: 'Noi invece sappiamo che la violenza può colpire chiunque di noi e che non ha passaporto, colore né classe sociale, ma spesso ha le chiavi di casa. È la storia di tante donne e di persone non conformi al modello patriarcale che ogni giorno si ribellano a molestie, stalking, violenza domestica, psicologica, sessuale ma trovano ulteriore violenza nei tribunali. È tempo di dire basta alla giustizia patriarcale: se in Parlamento la Pas (sindrome da alienazione parentale) finisce nel cassetto insieme al Ddl Pillon, nelle cause di divorzio e' sempre piu' frequente il suo utilizzo per giustificare l'allontanamento dei minori dalle madri, diventando cosi' uno strumento punitivo per le donne che si separano e un deterrente alla denuncia per le donne che subiscono violenza domestica. Vogliamo la Pas fuori dai tribunali'.

Netto il giudizio delle transfemministe sul Codice Rosso: 'Ha già fallito- scrivono- confermandosi una mera operazione propagandistica: è necessario riconoscere le donne come soggetto attivo e intervenire efficacemente prima e non dopo che la violenza o il femminicidio si compiono. Per questo il lavoro dei centri antiviolenza femministi va riconosciuto, garantito e valorizzato, perché siamo stanche di finire sul banco degli imputati o ricordate in maniera strumentale in qualche pessimo articolo di giornale. Gli spazi femministi sono invece sotto attacco in tutto il Paese e le risorse per le realtà che sostengono le donne che resistono alla violenza sono sempre piu' vincolate e carenti. Difendiamo e moltiplichiamo gli spazi femministi e transfemmninisti, come 'Lucha y Siesta', le case delle donne e tutti gli spazi di autodeterminazione sotto minaccia di sgombero'.

'L'indipendenza economica- aggiungono- è la condizione fondamentale per affrancarsi dalla violenza, per essere libere di scegliere: le molestie e gli abusi si riproducono in condizioni di minaccia e di ricatto, nella vergogna e nella solitudine, ma ancora permane il limite di un anno di tempo entro cui denunciare. Questo limite è un'arma in mano a molestatori e stupratori. Vogliamo essere liberi e libere dalla poverta', dallo sfruttamento, dal rischio di licenziamento o del mancato rinnovo di contratto e dei documenti di soggiorno. In un Paese in cui solo una donna su due lavora, la maternita' puo' costarti il posto di lavoro e la disparita' salariale è un dato di fatto, non serve la propaganda, ci vogliono atti concreti: vogliamo un salario minimo europeo, un reddito di autodeterminazione svincolato dalla famiglia e dai documenti di soggiorno, congedi di maternità, paternità e parentali di uguale durata e retribuiti per entrambi i genitori'.

E ancora: 'Se scegliere di fare un figlio non è semplice, non lo è nemmeno non farlo: obiezione di coscienza dilagante e smantellamento del welfare ostacolano la nostra autodeterminazione psicologica, sessuale e riproduttiva. Riprendiamoci i consultori pubblici e rompiamo il monopolio degli obiettori sulle nostre scelte: vogliamo educazione sessuale per conoscere, educazione al rispetto di generi e orientamenti sessuali, spazi per condividere, contraccezione gratuita per proteggerci, la pillola abortiva senza ricovero e fino a 12 settimane per decidere. Vogliamo servizi socio-sanitari pubblici e laici che garantiscano la salute e la libera scelta di tutte e tutti. L'Italia e' il Paese in Europa con il più alto numero di uccisioni di persone trans – spesso donne trans, migranti e sex workers. La presa di parola delle persone trans e lgbtqipa+ contro la violenza di genere e dei generi è un fiume che ingrossa e rafforza la marea femminista e transfemminista che si riverserà a Roma il 22 novembre con la Trans Freedom March: l'autodeterminazione non ha confini'.

'La guerra contro le persone migranti sta raggiungendo intensità senza precedenti, non soltanto nel Mediterraneo, e colpisce soprattutto le donne facendo dello stupro un'arma di soggezione- prosegue l'appello di Non Una Di Meno- Vogliamo fermare la violenza degli accordi che esternalizzano le frontiere, disseminando Europa, Mediterraneo e Nord Africa di lager del XXI secolo. Vogliamo essere libere e liberi di muoverci attraverso i confini e di restare se lo vogliamo. vogliamo l'abrogazione dei decreti sicurezza che criminalizzano la migrazione, la solidarietà e il dissenso, di tutte le leggi che legano il permesso di soggiorno al lavoro o alla famiglia e di quelle che alimentano il razzismo negando la cittadinanza a chi è nato o cresciuto in Italia.

Un permesso di soggiorno europeo senza condizioni, asilo e cittadinanza sono i soli strumenti possibili contro violenza e sfruttamento. Reclamiamo l'accesso al welfare per tutte e tutti contro la distruzione dello Stato sociale che anno dopo anno taglia risorse mentre aumenta la spesa militare'. Conclude la nota: 'La lotta femminista e transfemminista crea resistenza e alternativa nella costruzione di legami e intrecci attraverso la riappropriazione dello sciopero come pratica di conflitto come processo di trasformazione dell'esistente che opponga la cura, l'autodeterminazione e l'equità sociale allo sfruttamento dei corpi e dell'ambiente. Scendiamo in piazza il 23 novembre anche per tutte quelle donne e quelle persone che vedono limitata la propria libertà.

Le donne e le persone trans detenute, le persone sottoposte a misure restrittive o confinate all'interno di strutture psichiatriche che le sottopongono a misure di contenimento inappropriate e violente. Il 23 novembre saremo a Roma, saremo insieme, porteremo in piazza i nostri corpi e le nostre relazioni, quelle che costruiscono la discontinuita' che nessun governo puo' garantirci, quelle che uniscono le vite di milioni di donne e soggettivita' lgbtqipa+ in tutto il mondo. Il 24 novembre ci incontreremo in assemblea nazionale verso lo sciopero femminista e transfemminista dell'8 marzo. Di fronte alla violenza di questa societa' non facciamo un passo indietro: noi siamo rivoltà. (Ara/ Dire) 

 

Ezio Greggio: respingo cittadinanza onoraria di Biella per la Segre e la Memoria

A Sinistra si agita il babau fascista. E intanto si soffia sul fuoco del livore

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento