21 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma. Controlli Vigili: 10 parcheggiatori abusivi sanzionati

di Redazione
"L'operazione sarà ripetuta e s'inquadra nell'ambito delle direttive impartite dall'Amministrazione capitolina al Corpo di Polizia Roma Capitale"

Da questa mattina la Polizia di Roma Capitale sta operando per il contrasto delle attività illecite di parcheggiatore abusivo. Numerose segnalazioni ricevute dai cittadini riferivano del crescente fenomeno, dove diverse persone chiedono denaro per la custodia delle auto nei parcheggi con alta concentrazione di veicoli.

Dalle 7.30 numerose pattuglie provenienti dai gruppo Spe, Gssu e Gpit, coordinati dal Comando generale, stanno fermando per l'identificazione di tutti i parcheggiatori abusivi colti a chiedere denaro nei parcheggi degli ospedali Bambin Gesù e Policlinico Umberto I, a Piazzale del Verano, a Piazza Venezia, Piazzale della Radio, e l'area attorno al Comando Generale, Piazza della Consolazione e Piazza Bocca della Verità.

Così in un comunicato la Polizia di Roma Capitale. Almeno 10 persone appartenenti a varie nazionalità tra cui italiana, cubana, romena, bengalese e indiana sono stati portati al Comando Generale per identificazione e per elevare i relativi verbali ai sensi dell'art. 7 comma 15 bis del codice della strada, che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria di 772 euro e la confisca di tutti i proventi dell'attività illecita. L'operazione, come spiega il Comandante Generale Diego Porta, "sarà ripetuta nei prossimi giorni e si inquadra nell'ambito delle direttive impartite dall'Amministrazione capitolina al Corpo di Polizia Roma Capitale".

Sul contrasto al fenomeno dei parcheggiatori abusivi, aggiunge Porta, "si auspica un intervento legislativo finalizzato alla modifica della suddetta norma contenuta nel codice della strada che non consente una efficace azione di contrasto a questo odioso fenomeno".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo