Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Dicembre 2021

Pubblicato il

Roma, bidella denunciò maestra che picchiava bimbi: licenziata

di Redazione
Lo sfogo della bidella a Radio Cusano Campus: “Ho denunciato una maestra che picchiava i bambini, ma mi hanno licenziata. Rivoglio il mio lavoro”

“Facevo la bidella in una scuola dell’infanzia, a Roma. A febbraio 2013 ho denunciato una maestra per maltrattamenti verso i bambini. Da quel momento ho iniziato a subire delle ritorsioni, che mi hanno portato dopo un certo periodo di tempo a perdere il posto di lavoro”.

È con queste inequivocabili parole che Barbara Nasso, ex collaboratrice scolastica, ha raccontato a Radio Cusano Campus (nel programma Ecg, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio) quanto le è accaduto pochi anni fa. “Ho visto una maestra schiaffeggiare il volto di un bambino disabile. L’ho vista altre volte prendere a schiaffi in bocca dei bambini. Oppure dire ai bambini più grandi di picchiare i più piccoli affinché smettessero di piangere. Insegnava anche ai bambini la legge del taglione. Se due litigavano perché uno aveva subito un colpo, lei invitava l’altro a vendicarsi e a fare altrettanto”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Delle scene terribili… E dei metodi educativi davvero fuori dal tempo. “Io prima ho parlato con la maestra, poi l’ho denunciata. A distanza di un mese, lei è stata denunciata anche da un’altra maestra. Nel periodo successivo alla mia denuncia, hanno iniziato a sottopormi a delle ritorsioni. Volevano mandarmi via per tutelarmi, a loro dire. Io non ho mai preso lettere di contestazioni, non ho mai avuto problemi prima di quel momento. Eppure dalla mia denuncia sono scaturiti quattro mesi di indagine che hanno portato all’arresto della maestra e della coordinatrice scolastica. E il 31 ottobre un giudice le ha condannate. Rivoglio il mio lavoro. Sono stata sbattuta fuori ingiustamente”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo