15 Luglio 2021

Pubblicato il

Papa Francesco: “C’è troppa violenza in web, anche nei siti cattolici”

di Redazione

In rete "Si dicono cose che non sarebbero tollerabili nella vita pubblica”, per distruggere “l'immagine altrui senza pietà”

“Anche i cristiani possono partecipare a reti di violenza verbale mediante internet e i diversi ambiti o spazi di interscambio digitale. Persino nei media cattolici si possono eccedere i limiti, si tollerano la diffamazione e la calunnia”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo ha detto Papa Francesco stamattina, nell’Esortazione Apostolica ‘Gaudete et exsultate’. Il web, perciò, in quanto forma di comunicazione rapida, libera e in cui è facilissimo nascondersi, secondo il pontefice può rappresentare un chiaro fattore di stordimento, soprattutto per i giovani, che si ritrovano esposti a un mare di informazioni in troppo poco tempo e che, soprattutto, possono ritrovarsi a subire varie forme di bullismo e spietati giudizi da parte dei coetanei.

Perché “In queste reti si dicono cose che non sarebbero tollerabili nella vita pubblica, e si cerca di compensare le proprie insoddisfazioni scaricando con rabbia i desideri di vendetta”. Ma non solo, perché Francesco ricorda come, ignorando totalmente l’ottavo comandamento (“Non dire falsa testimonianza”), spesso molti utenti non perdano occasione per distruggere “l’immagine altrui senza pietà” e ciò mettendo da parte “ogni etica e ogni rispetto per il buon nome altrui”.

“Non ci fa bene guardare dall’alto in basso, assumere il ruolo di giudici spietati, considerare gli altri come indegni e pretendere continuamente di dare lezioni. Questa una sottile forma di violenza. Ci sono parecchie forme di bullismo che pur apparendo eleganti e rispettose e addirittura molto spirituali, provocano tanta sofferenza nell’autostima degli altri” ha concluso poi il Papa.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento