Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Dicembre 2022

Pubblicato il

Roma. Ambulanza arriva con tre ore di ritardo, muore una ragazza di 29 anni

di Alice Capriotti
La sorella Rebecca al telefono con i soccorsi spiega "Non ha più sensibilità alla lingua, non ci vede più, è tutta viola"
Mancato soccorso ambulanza

Era il 22 luglio quando Paula, una ragazza di 29 anni residente nel quartiere Aurelio della Capitale, è ritornata a casa prima della fine del turno di lavoro, in quanto lamentava dei dolori.

La vicenda

Il giorno dopo, il 23 luglio, dal momento che i dolori non erano spariti, ha deciso di avvertire i soccorsi del 118. La prima chiamata è stata fatta alle ore 13, la seconda verso le 14:13 e ancora alle 14:57. Arrivata alla quarta telefonata la sorella ha dichiarato: “Sono due ore e mezzo che aspetto, mia sorella sta peggiorando che cavolo fate?”. 

Risale al 21 luglio scorso il primo malore. La 29enne si era recata al pronto soccorso, uscendo prima dal lavoro, a causa dei forti dolori addominali che lamentava all’altezza dell’inguine. Dopo aver effettuato i dovuti esami le sono stati somministrati solo degli antidolorifici per poi essere dimessa. Lo stesso pomeriggio, la giovane donna, in un audio con voce tremante, racconta alla sorella che secondo i medici si trattava di una possibile colite: “Me ne sono andata perché non mi volevano dare niente”. 

Il giorno seguente è cominciato il calvario, non è riuscita nemmeno ad alzarsi dal letto della sua camera. Il 23 luglio, dopo giorni di sofferenza, ha deciso di chiamare la sorella Rebecca lamentando: “Non sento più mani e piedi”. Da quel momento in poi le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare. Rebecca inizia a tempestare di chiamate il 118, spiegando i sintomi della sorella: “Non ha più sensibilità alla lingua, non ci vede più”. Infine, ha aggiunto: “È tutta viola”.

Il personale del 118 è giunto solamente alle 15:40, dopo due ore e mezza dalla prima telefonata. I medici del personale sanitario hanno trovato la ragazza agonizzante, tentando di rianimarla più volte, ma senza riuscirci. Paula è morta alle 17:14.

Le ipotesi

Inizialmente i sanitari pensavano si trattasse di un’overdose, ma a detta della sorella Rebecca, Paula non aveva mai fatto uso di sostanze stupefacenti. Convinti della diagnosi, hanno iniziato a frugare nel comodino e nell’armadio cercando farmaci o pasticche. Un professore del Policlinico Umberto I di Roma ha dichiarato che Paula è morta per shock settico secondario ad ulcera duodenale perforata complicata da peritonite purulenta e da polmonite bilaterale.

La denuncia

La famiglia della ragazza ha presentato una denuncia insieme al penalista Padovano: “Noi attendiamo con fiducia l’esito delle indagini perché, al momento, ci sono tanti sospetti e nessuna certezza”, ha affermato il legale.  La famiglia, ha poi aggiunto: “A oggi, l’unico dato certo è il fatto che nostra figlia sia morta in circostanze del tutto ambigue e paradossali e che non abbia ricevuto le giuste attenzioni e cure da chi è a ciò preposto”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo