05 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, al via la bonifica di Monte Stallonara, Lunghezza e Parco di Centocelle

di Eleonora Cantini

Stanziati 4 milioni di euro per la bonifica di aree diventate ormai discariche con roghi tossici all'ordine del giorno

Monte Stallonara, Lunghezza e Parco di Centocelle sono tre zone del quadrante est della Capitale e sono accomunate da una persistente situazione di degrado. I cittadini romani che vivono in queste zone conoscono bene la situazione critica: roghi tossici, rifiuti abbandonati da anni, una vera e propria discarica a cielo aperto.

Zone che aspettano da anni un intervento da parte delle istituzioni e delle autorità, dove la salute dei cittadini è veramente precaria. Basta pensare che solo pochi giorni fa, il 19 Ottobre, è scoppiato l’ennesimo incendio doloso al Parco di Centocelle dove sono bruciati cumuli interi di spazzatura e rifiuti smaltiti illegalmente.

L’accordo raggiunto

Oggi il Comune di Roma ha stanziato circa 4 milioni di euro per la bonifica di queste aree: 500 mila euro per la bonifica del Parco di Centocelle, 3 milioni di euro per la ex discarica di Lunghezza e 240 mila euro per Monte Stallonara.

Il risultato atteso da anni è stato raggiunto grazie a una convenzione fra il Comune di Roma e il Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il Provveditorato Interregionale si occuperà di coordinare la fase di progettazione ed esecuzione, la direzione lavori e le operazioni di collaudo. La Direzioni Rifiuti del Comune, invece, si occuperà di controllare lo stato di avanzamento dei lavori, i pagamenti e la necessaria documentazione.

Le parole della Sindaca Raggi

La Sindaca di Roma Virginia Raggi affida a un post su Facebook la soddisfazione di aver portato a casa un accordo essenziale per la salute dell’ambiente e dei cittadini delle zone est. “Finalmente verranno indagate e bonificate aree della nostra città in cui abbiamo registrato forti problemi legati allo smaltimento di rifiuti, in molti casi illecito”.

Un passo avanti

Le situazioni di degrado nella Capitale sono numerose e tutte hanno bisogno di una presa di posizione netta per contrastarle. L'inquinamento ambientale, i comuli di rifiuti smaltiti illegalmente, i roghi tossici sono situazioni all'ordine del giorno per molti cittadini. 

I roghi tossici e lo smaltimento illegale di rifiuti sono un vero e proprio business redditizio per la criminalità organizzata romana: a tal proposito è necessario non abbassare mai la guardia. La bonifica di queste aree è sicuramente un passo in avanti: è importante che le istituzioni e le amministrazioni comunali stanzino quanti più fondi possibili per combattere questa pratica diffusa di abbandonare e smaltire rifiuti nei luoghi più disparati. 

Leggi anche:

Antisemitismo, perché la Commissione Segre è un errore (in buona fede)

Dal 7 novembre seggiolini anti-abbandono obbligatori

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento