31 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma, 20enne muore mentre aspetta trapianto presso Policlinico Umberto I

di Redazione

Il ragazzo era ricoverato presso il reparto trapianti del Policlinico Umberto I di Roma. Il 17 maggio il decesso.

Un ragazzo di 20 anni è morto la settimana scorsa presso il Policlinico Umberto I di Roma, mentre era in attesa di un trapianto di polmoni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Come riportato da "Il Messaggero", il ragazzo era ricoverato presso il reparto trapianti del Policlinico Umberto I di Roma. Queste sono state le parole della sorella: "Mio fratello era lucido e vigile, ma dopo avere effettuato la tracheotomia a partire dalla sera di domenica 13 maggio le sue condizioni sono cominciate a peggiorare". Poi la notte del 16 maggio. "Intorno alle due di notte – ha raccontato la sorella – Giuseppe invia un messaggio a mia madre chiedendo di denunciare tutti, che lo stavano uccidendo. Ci siamo precipitati in ospedale e abbiamo appurato che i sanitari stavano effettuando le cure e che il problema era legato al macchinario, l'Ecmo che serve per abbassare il livello di anidride carbonica nel sangue, a cui doveva essere sostituito il filtro".

"Alle sette di mattina del 17 maggio siamo stati informati che la situazione era drammaticamente precipitata: ci hanno fatto entrare nel reparto e alle 7.20 è stata dichiarata la morte di Giuseppe" ha aggiunto.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo dopo la denuncia dei familiari del giovane, deceduto il 17 maggio.  Il pm ha disposto l'autopsia e il sequestro del macchinario dove era attaccato il ragazzo, malato di fibrosi cistica, il suo cellulare e la cartella clinica. I risultati tra 60 giorni.

LEGGI ANCHE 

Roma, Fuggono alla vista della Polizia e sparano colpi di pistola

Roma, Gennaro lascia delega Partecipate. "Sono stati 8 mesi faticosi"

Tor Bella Monaca, Raggi per la rimozione del murales Serafino Cordaro

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento