Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Agosto 2020

Pubblicato il

Strategia Anti Covid

Rimarranno anche dopo la pandemia gli ospedali Covid

di Redazione

Il commissario conferma la strategia delle 'tre t', ovvero "Tracciabilità, Test e Trattamento"

Inchiesta Covid-19
Inchiesta Covid-19

Anche quando finirà l’emergenza in atto, “non smantelleremo gli ospedali Covid e le aree dedicate. Per non farci cogliere di nuovo di sorpresa”. A dirlo è il commissario per l’Emilia-Romagna Sergio Venturi, durante la diretta Facebook di oggi. A emergenza finita, afferma, “non smantelleremo molti degli ospedali Covid o quantomeno delle aree dedicate, perché non possiamo commettere l’errore di farci cogliere ancora di sorpresa da una malattia con questa forza dirompente. Questa volta terremo ben guarniti i nostri bastioni”. Una volta che i contagi da Coronavirus si saranno azzerati, dunque, “dovremo comunque tenere separati i percorsi per le persone che hanno una malattia come il Covid-19 da tutti gli altri- ribadisce il commissario- questo è fondamentale perché non accadano mai più focolai dentro gli ospedali. E’ quello il primo fallimento”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Venturi ribadisce poi i prossimi passi, a partire dal graduale ritorno degli ospedali alla normalità. “Oggi siamo impegnati a ritrasformare, nei limiti del possibile, i reparti per riprendere le attività ridotte o sospese- afferma Venturi- si stanno riprogrammando gli interventi e riattivando le attività operatorie, almeno in alcune aree dell’ospedale si torna a una vita covid-free. Ma non non è ancora purtroppo il momento di poter ridurre l’intensità del lavoro che si fa”, avverte.

Poi, sempre guardando al futuro, il commissario conferma la strategia delle ‘tre t’, ovvero “Tracciabilità, Test e Trattamento”. Anche a emergenza finita, spiega, “avremo bisogno di un sistema nazionale nel quale i contatti di una persona che si ammala in futuro possano essere tracciati con precisione, per fare in modo che i tamponi possano essere fatti in larga misura a tutti. Il segreto è questo, ma parte dalla necessità di tracciare gli spostamenti delle persone. E’ una cosa a cui ci dovremo abituare in futuro”. Quanto al trattamento, aggiunge Venturi, “le persone positive avranno subito un kit con cui curarsi, usando farmaci che hanno dimostrato di avere efficacia”. (San/ Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento