Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Agosto 2022

Pubblicato il

Retroscena Elezioni, frizioni tra Meloni e Salvini: governo di tecnici o big della Politica?

di Marco Antonellis
Le elezioni anticipate al 25 settembre gettano il centro-destra nel caos: le paure di Giorgia Meloni e le mire di Salvini
Matteo Salvini e Giorgia Meloni
Matteo Salvini e Giorgia Meloni

Elezioni anticipate il 25 settembre, agitazioni diffuse nei Partiti. Grandi problemi all’interno della coalizione di centro-destra, lo stallo riguarda i seggi: non riescono a trovare l’accordo sulle fasce e inoltre se far entrare o meno l’Udc la quale altrimenti, da sola, rischierebbe di non superare il 3%. Ci sono poi già le prime frizioni tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il leader della Lega propone un governo composto di big, in chiave decisamente “politica”, con lui al Viminale naturalmente, mentre la Meloni vorrebbe i politici in posizione defilata per fare spazio a dei tecnici e competenti perché teme di fare la fine di Berlusconi. La Meloni non è favorevole in nessun modo all’ipotesi di Salvini al Viminale.

L’escamotage sarebbe quindi mettere in prima fila i tecnici, così da potersi difendere e deresponsabilizzare nel caso le cose vadano male, e attribuirsi tutto il merito se invece la situazione volgerà a suo favore. Per questo Salvini spinge per conoscere i nomi dei ministri quanto prima.

Dopo l’estate, con la guerra, l’inflazione e il carovita la situazione peggiorerà. Draghi lascia loro dei numero migliori delle previsioni, però è un’incognita sapere se dopo di lui qualcuno sarà in grado di mantenere vivi quei risultati.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo