03 Agosto 2021

Pubblicato il

Presi i ladri seriali della Asl di San Giovanni, rubavano tutto

di Redazione

Incastrati in flagrante dopo la segnalazione di alcuni testimoni sono stati arrestati dalla polizia

Da tempo, una serie di furti perpetrati all’interno degli uffici della Asl di via Monza, nella zona di San Giovanni, avevano messo in allarme gli agenti del Commissariato di zona che, per porre fine alle scorribande dei malviventi, avevano organizzato dei servizi di appostamento contando anche sulla collaborazione del personale dell’Istituto di vigilanza privata, in tempo di notte. Proprio durante uno di questi servizi gli agenti sono riusciti ad incastrare i due ladri che dopo la segnalazione di furto in atto, scattato intorno alle ore 2,30 di questa mattina, vistisi alle strette e senza via di fuga per la presenza della polizia, si sono chiusi a chiave nei  bagni riservati al personale sanitario della Asl, sperando di farla franca. Lo stratagemma però non ha funzionato e i due, esortati dai poliziotti ad uscire dai servizi, si sono arresi e si sono consegnati al personale in divisa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Identificati per P.F. e V.S., italiani, rispettivamente di 49 e 27 anni, i due a seguito della perquisizione personale,  sono stati trovati in possesso di alcuni arnesi atti allo scasso. In un borsone che avevano al seguito invece, gli agenti hanno rinvenuto cibi, bevande e monete prelevate, mediante scasso, dai distributori automatici  installati nell’edificio. Dopo l’accompagnamento in ufficio per i due è scattato l’arresto e a seguito del processo per direttissima, che li ha visti accusati di furto aggravato, entrambi sono stati condannati  a 8 mesi, pena sospesa, e all’obbligo di firma. Indagini sono ancora in corso per stabilire se i gli arrestati siano gli autori di altri furti, perpetrati nella stessa struttura con medesime modalità, in tempi recenti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento