Pechino 2022 recap, day 8: Visintin/Moioli d’argento, Goggia torna in pista

2

Al giro di boa di Pechino 2022 continua, mattoncino dopo mattoncino, a costruirsi un buon medagliere per l’Italia, anche se comincia a mancare qualche oro che mantiene la spedizione azzurra al nono posto, però sesto per numero di metalli e primo (insieme alla Russia) per numero di sport a podio. Oggi è arrivata una medaglia dalla disciplina dove c’erano speranza anche di vittoria.

Visintin/Moioli a medaglia nell’inedita prova mista dello snowboard

Anche da questi particolari si possono valutare le prestazioni olimpiche. L’Italia va subito a medaglia in una competizione finora inedita ai Giochi, a metà tra un oro sfumato e un argento conquistato in una finale con due coppie azzurre su quattro che ha vissuto una lotta sul filo della piastra tra Moioli e Jacobellis. In finale il vicentino ha fatto il suo e aiutato tanto la bergamasca dopo la grande delusione dell’individuale: una gara condotta bene prima da Omar con la coppia azzurra numero 2, formata da Lorenzo Sommariva e Caterina Carpano, in lizza per il bronzo ma purtroppo andata a sbattere con la coppia canadese per un quarto posto finale dal sapore amarognolo. Alla fine Jacobellis, la medaglia d’oro individuale, batte Michela ma nulla toglie una medaglia del riscatto per lei, mentre arriva la conferma per Omar di essere tornato tra i grandi delle disciplina.

Gli altri risultati di oggi a Pechino 2022

Nella sprint maschile del biathlon una buona prova di squadra degli azzurri, pur mancando l’acuto che doveva passare da una gara senza errori al poligono. Al traguardo Hofer è il migliore con un 14° posto, Bormolini 23° mentre Dominik Windisch, il bronzo uscente nel format, è 30°. Nella staffetta del fondo femminile l’Italia conferma il proprio range, molto lontano dai tempi d’oro ed è ottava con Comarella, Ganz, Di Centa e Scardoni. Sempre per le specialità nordiche nella gara del salto con gli sci dal trampolino grande un buon Giovanni Bresadola è 35°.

Per le specialità del ghiaccio nei 500m del pattinaggio velocità 19° Rosanelli, 23° Bosa. Per il torneo di curling maschile arriva la sconfitta più bruciante, la terza su tre, contro la Cina padrona di casa (12-9). Situazione difficile ora per sperare nelle medaglie. Nel programma corto della danza del pattinaggio di figura Guignard/Fabbri, sulle note di Michael Jackson sono al 7° posto. Nello skeleton femminile dopo la brutta prima giornata Valentina Margaglio cambia registro solo parzialmente e termina 12a.

Non fa parte dei risultati odierni ma merita menzione la prima prova della discesa femminile con la presenza di Sofia Goggia. Al termine della sua cauta prova arriva un sospiro di sollievo liberatorio: Sofia fisicamente c’è, in discesa sarà più forte del dolore e darà il suo massimo per confermare il titolo di PyeongChang.

Il programma di domani

Il weekend si chiude con molte gare e molte ambizioni per l’Italia. Nella notte il gigante maschile con in pista Luca De Aliprandini, argento mondiale a Cortina l’anno scorso, che ha legittime ambizioni di medaglia nonostante sia di ritorno da un infortunio.

Nel biathlon ci saranno entrambe le gare ad inseguimento con Dorothea Wierer che parte dalla terza posizione ottenuta nella sprint. Per la neve in programma anche la staffetta maschile del fondo con Pellegrino, De Fabiani, Salvadori e Graz per attaccare i primi 5 posti.

Per il ghiaccio inizia il programma del bob con il monobob femminile (in gara per l’Italia Giada Andreutti), mentre Pietro Sighel nello short track andrà a caccia della finale dei 500m. Nel pattinaggio velocità ci saranno i quarti dell’inseguimento a squadre maschile con Ghiotto, Giovannini, Malfatti e Trentini che proveranno ad accedere alle semifinali.

Pechino 2022 Recap day 8: il medagliere aggiornato

RankNazioneOriArgentiBronziTotale
1)Germania85114
2)Norvegia83617
3)Stati Uniti55111
4)Paesi Bassi54110
5)Svezia52310
6)Austria46414
7)Cina4318
8)ROC*34613
9)ITALIA25411
10)Giappone23510
*ROC= Russian Olympic Committee