03 Agosto 2021

Pubblicato il

Paul Wertico, Fabrizio Mocata, Gianmarco Scaglia al Cotton Club

di Redazione
Accanto a lui, per aiutarlo con degli esempi pratici il contrabbassista Gianmarco Scaglia e il pianista Fabrizio Mocata

Giovedì 14 aprile al Cotton Club di Roma doppio appuntamento: alle 16 woskshop con Paul Wertico e in serata alle 22 concerto con  Paul Wertico, batterista di fama mondiale (famoso per la sua lunga collaborazione con il Pat Metheney Group), offre un workshop che affronta questioni tecniche relative allo strumento ma anche argomenti relativi alla musicalità e all'interplay. Il musicista americano si propone di trasmettere la sua personale visione sia dello strumento che della musica.

Accanto a lui, per aiutarlo con degli esempi pratici il contrabbassista Gianmarco Scaglia e il pianista Fabrizio Mocata, con cui collabora stabilmente da diversi anni. Paul Wertico, nel 1983 entra a far parte del Pat Metheny Group (con il quale vincerà 7Grammy Award) dove rimane fino al 2001. A febbraio del 2001 lascia il gruppo per dedicarsi alla famiglia e seguire i suoi altri interessi musicali. Negli ultimi anni Wertico ha continuato a suonare, ha creato il Paul Wertico Trio e ha collaborato con musicisti come: Larry Coryell, Kurt Elling e Jeff Berlin.

Dal 2000 al 2007 è stato membro di un gruppo di rock progressivo polacco gli SBB. Il suo primo CD da leader è intitolato The Yin and the Yout. Questo album verrà acclamato dalla critica. Nel 1998 registra un Cd dal vivo con il Paul Wertico trio, intitolato Live in Warsaw con il chitarrista John Moulder e il bassista Eric Hochberg. Nel 2000 con lo stesso gruppo registra un altro album intitolato Don't Be Scared Anymore, nel 2004 Wertico incide Stereo Nucleosis.Paul Wertico e il Pat Metheny Group.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Pat Metheny Group è il gruppo che effettivamente porta al successo Wertico e proprio con il gruppo di Metheny infatti che Paul affina la sua tecnica e comincia a lavorare sull'uso dei piatti che diventerà poi una sua caratteristica. Nonostante provenga da generi musicali diversi Wertico entra subito in armonia con il gruppo di Pat Metheny diventandoun elemento fondamentale della formazione e un punto di riferimento per i batteristi che lo sostituiranno.

Alle 22 il concerto del trio formato da Fabrizio Mocata,pianoforte, Gianmarco  Scaglia, contrabbasso e  Paul Wertico: "Free the Opera!". I tre musicisti si incontrano nel 2012 e decidono di dar vita a un progetto comune. L'anno successivo registrano per RAM Records il loro primo lavoro discografico “Free The Opera!”. Questo progetto rappresenta un incontro tra la tradizione del melodramma italiano, rappresentato da G. Verdi e G. Puccini, e la ricerca jazzistica che accomuna i tre musicisti.

 Il pirotecnico batterista di Chicago Paul Wertico (famoso per la sua lunga collaborazione con il Pat Metheney Group) incontra il creativo contrabbasso di G. Scaglia e il caleidoscopico pianoforte di F. Mocata per dar vita ad una alchimia unica. Nel trio convergono gli elementi di grande liricità misti a una solida base ritmica e a un serrato swing, che coinvolgono l'ascoltatore in pieno in un alternarsi di sensazioni musicali. Passando così da “La donna è mobile” di G.

Verdi a brani di fattura originale i tre propongono al pubblico un programma di grande spessore culturale e di grande accessibilità. Ne sono testimonianza i diversi live in cui il trio è stato accolto sempre con grandissimo calore tra i quali citiamo Beat Onto jazz Festival, Otranto Jazz Festival, Valdarno Jazz Festival, Chateau Jazz Festival, Mattinata Jazz Festival e altri.

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo