Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Settembre 2020

Pubblicato il

Salute

Obesità: la pandemia alla radice di tante, e gravi, disfunzioni

di Dario Amodio

L'obesità, una vera pandemia: vediamo in che modo concorre a diverse patologie compresa una iper-risposta immunitaria al Covid-19

Obesità
Obesità

L’obesità, pandemia che preoccupa. L’obesità è oggi riconosciuta come una vera e propria patologia, anche se non è altro che un aumento della massa grassa e del tessuto adiposo del nostro organismo. Questo aumento infatti comporta l’aumento dell’incidenza di diverse patologie cardio-circolatorie nonché metaboliche. Pensiamo ad esempio all’ipertensione arteriosa, diabete, patologie cardiache e cerebrovascolari, ictus. L’obesità è associata anche al rischio di diversi tumori, come quello al seno, utero, colon e prostata. Questo perché l’eccesso di tessuto adiposo rilascia una serie di citochine pro-infiammatorie che aumentano attraverso una serie di meccanismi il rischio di sviluppare queste patologie. Le citochine agiscono in maniera diversa ma tutte concorrono a uno stato infiammatorio e morboso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Obesità e Covid-19

Anche per alcune infezioni virali l’obesità sembra un fattore determinante, ad esempio il Covid-19. I soggetti obesi sviluppano con maggior incidenza le complicanze che hanno portato al ricorso alla terapia intensiva. Sono ad aumentato rischio sia per tessuti già danneggiati dalla precedente infiammazione, sia perché sviluppano reazioni più aggressive al virus stesso rispetto a soggetti normopeso.

Obesità pandemia in crescita

Per l’obesità possiamo parlare di pandemia i quanto fenomeno mondiale, si stima che riguardi più del 30% delle persone in America. La Campania si trova primo posto infantile in Italia. Questo stato patologico deve essere riconosciuto da medici e specialisti. Si tratta di una malattia cronico degenerativa recidivante. È difficile e anche se non si torna al proprio peso ottimale, occorre almeno ridurre il proprio peso e la massa grassa.

È necessario da parte delle industrie alimentari, delle istituzioni e dei cittadini una corretta informazione ed educazione su cosa contengono i cibi, e anche il cittadino deve responsabilizzarsi in tal senso.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento