14 Aprile 2021

Pubblicato il

Nursind: “No uso arbitrario di dati sensibili”

di Redazione

San Camillo, Nursind: precisazione in merito allo scandalo dei certificati facili

L'articolo di Repubblica, a firma di Mario Favale, pubblicato in data 20/01, ha sollevato le proteste del sindacato O.S. Nursind. Che in un comunicato, ha dichiarato: "Su un articolo di Repubblica del 20/01 pubblicato sulla Cronaca di Roma si denuncia un presunto “scandalo dei certificati facili” descrivendo in maniera riconoscibile colleghi e colleghe che, pur avendo prescrizioni individuate dal Medico competente (cui giudizio regolarmente trasmesso al datore di lavoro), continuano a lavorare quotidianamente nelle Unità Operative a loro destinate dalla stessa Azienda Ospedaliera".

"L’OS NURSIND – prosegue il comunicato – stigmatizza l’utilizzo arbitrario di dati sensibili da parte di un organo di stampa (questo sì che dovrebbe preoccupare tutti i lavoratori dell’Azienda San Camillo Forlanini) e la loro divulgazione senza che le persone coinvolte ne abbiano dato un esplicito consenso".

"Inoltre – così si chiude il comunicato – l’O.S. Nursind vigilerà sul fatto che il problema della disorganizzazione generale, che va dai letti in corridoio nelle Unità Operative fino alle barelle ammucchiate (anche ieri) nel Pronto Soccorso del nosocomio, non sia distratto da questa storia dei prescritti peraltro a conoscenza dell’Azienda già prima della nomina del Dott. Aldo Morrone a Direttore Generale, e a tutt’oggi mai risolta. Ben venga a questo punto l’intervento diretto da parte della Regione che “vuole salvaguardare le persone che hanno realmente inidoneità…”, come scrive il Presidente della Regione Zingaretti, ma questo che avvenga senza pubblicizzare né tantomeno screditare colleghi che fanno della propria professione un motivo di orgoglio".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento