21 Settembre 2021

Pubblicato il

Nel quartiere Giuliano-Dalmata torna il Giardino Zeriav

di Redazione
Inaugurato il nuovo giardino Zeriav restaurato grazie ad una partnership pubblico-privato

E' stato inaugurato il GIardino Zeriav, nel quartiere Giuliano-Dalmata, in Municipio IX, alla presenza del presidente Andrea Santoro e del suo vice nonché assessore all'Ambiente Alessio Stazi.

I lavori per l'installazone delle nuove strutture ricreative – altalene, scivoli, castelletti e giochi a molla – erano iniziati verso la fine di ottobre. Le strutture, sono state donate "da un esercente commerciale della zona", come aveva spiegato lo stesso Santoro. "Nei mesi scorsi il Dipartimento comunale aveva rimosso l’area ludica, completamente vandalizzata, ma non aveva potuto sostituire i giochi per la mancanza di fondi. Con l’assessore municipale all’Ambiente, Alessio Stazi, abbiamo ricercato un partenariato con soggetti privati, promuovendo la disponibilità di un’azienda locale che ha regalato al quartiere le nuove strutture di gioco per la riqualificazione del Giardino Zeriav" – aveva aggiunto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questo accordo rientra nella campagna 9-I Care!, promossa al fine di valorizzare il patrimonio pubblico municipale proprio attraverso forme di sponsorizzazione privata. "Al servizio comunale ai giardini resteranno comunque in capo gli obblighi di manutenzione delle strutture e la verifica periodica della sicurezza" – spiegava ancora Santoro.

Mentre la pavimentazione gommata e le giostre sono arrivate dall'azienda Giuseppe Scuccimarri – Consulenze Immobiliari Amministrazione Condomini, "l'amministrazione municipale a sua volta ha provveduto alla manutenzione del verde nell'area, al restauro della recinzione, alla ristrutturazione e implementazione delle panchine nonché, ovviamente, alla predisposizione di tutti gli atti del caso" – spiega stavolta Stazi sul suo profilo Facebook.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo