18 Settembre 2021

Pubblicato il

Orrore all’Esquilino, 4 ragazzi autori di violenza sessuale

di Redazione
Incredibile all'Esquilino: 4 giovani hanno violentato e picchiato l'uomo, poi hanno portato via l'incasso

l fatto risale al 20 ottobre scorso. Sono le tre di notte quando 4 giovani suonano al portone di un hotel in zona Esquilino ed entrano all’interno. Il portiere di notte, attraverso le telecamere, vede il gruppo avvicinarsi all’ingresso e li fa entrare. Raggiunto il portiere i quattro iniziano a minacciarlo e a spintonarlo fino al ripostiglio, dove tre di questi si abbassano i pantaloni e il quarto inizia a riprendere la scena con il telefono cellulare. Subito dopo la vittima viene costretta a masturbare due degli aggressori. La situazione però degenera fino a quando il gruppo dei giovani inizia a picchiare il portiere in particolare nelle parti intime.

Successivamente i ragazzi, dopo essersi rivestiti, costringono la vittima a consegnargli  20 euro e lo derubano dell’incasso di circa 400 euro. Prima di lasciare l’hotel i giovani continuano a minacciare la vittima dicendogli che se avesse avvisato la Polizia avrebbero pubblicato sui social network le scene appena registrate.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’uomo però, coraggiosamente, si è presentato negli uffici del Commissariato Esquilino ed ha denunciato quanto accaduto. Grazie alla visione delle videocamere presente nell’hotel, gli investigatori del Commissariato sono riusciti a stabilire che due dei giovani erano dell’est Europa mentre gli altri due di nazionalità italiana e con chiaro accento romano. Le indagini effettuate nei giorni seguenti hanno permesso di rintracciare tutti e quattro gli aggressori. Denunciati all’autorità giudiziaria, dovranno rispondere di estorsione e violenza sessuale di gruppo. Proseguono le indagini per verificare se i denunciati hanno posto in essere estorsioni ai danni di altre vittime.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo