14 Luglio 2021

Pubblicato il

Brutale

Napoli, orrendo episodio di femminicidio: 40enne uccisa a coltellate dal marito

di Redazione

La donna è morta per le coltellate inferte dal compagno. E' il 14èsimo femminicidio dall'inizio dell'anno

femminicidio napoli
Ospedale Cardarelli, Napoli

“Ancora un brutale femminicidio a Napoli a opera di chi dovrebbe amare la propria compagna invece di odiarla al punto di ucciderla. Le donne, in questa pandemia, stanno pagando un prezzo altissimo sulla loro pelle. Esprimo a nome mio e di tutta la città profondo dolore e cordoglio per il brutale omicidio di Ornella e ci stringiamo attorno ai suoi veri affetti”.

Coltellate inferte dal compagno

Cosi’ il sindaco di Napoli Luigi de Magistris sull’omicidio della 40enne Ornella Pinto avvenuto alle prime ore dell’alba nel quartiere San Carlo all’Arena, in via Filippo Cavolino.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La donna è morta per le coltellate inferte dal compagno Pinotto Iacomino. Al Cardarelli la vittima è stata sottoposta a “un delicato intervento mediante il quale le équipe del Trauma Center e di Chirurgia Toracica hanno cercato di risolvere – si legge in una nota dell’ospedale – le profonde lesioni polmonari”.

Omicida consegnato ai Carabinieri

Iacomino verso le 7 si è costituito alla stazione dei carabinieri di Montegabbione, in provincia di Terni, dichiarando di aver ucciso la moglie. La coppia ha un figlio minorenne.

14esimo femminicidio nel 2021 in Italia

“Ornella Pinto aveva solamente 40 anni, e il suo è il quattordicesimo femminicidio dall’inizio dell’anno nel nostro paese. E’ devastante continuare ad associare dei nomi e dei cognomi a dei numeri, ma questo ci dà tutto il peso della gravità della situazione.

Chissà se Ornella potrà mai perdonarci per non essere riusciti a salvarla: del resto, di fronte a questo quadro terribile, ci viene detto che c’è sempre qualcosa di più importante. L’auspicio è che finalmente suoni la sveglia: il tempo delle parole vuote è finito.

Servono i fatti, perché di lacrime che si sarebbero potute evitare ne sono state versate troppe”. E’ il commento amaro della senatrice M5s Cinzia Leone, vicepresidente della commissione di inchiesta parlamentare sul femminicidio. (Rec/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento