Vuoi la tua pubblicità qui?
01 Dicembre 2022

Pubblicato il

Roma Municipio XIII, proteste contro il nuovo piano mobilità

di Redazione
Ieri la manifestazione di Fratelli d'Italia contro il sindaco Marino

Si è svolta ieri pomeriggio la manifestazione in via Boccea, promossa da Fratelli d’Italia, per protestare contro il nuovo piano mobilità voluto dalla giunta Marino. Oltre all’aumento delle strisce blu a 1,50 €, l’amministrazione capitolina è intenzionata ad eliminare totalmente le strisce bianche, obbligando i cittadini a parcheggiare a pagamento, ed estendendo l’obbligatorietà del pagamento anche al quartiere di residenza.

Tutto ciò, unito al pedaggio per entrare nell’anello ferroviario, fa pensare ad una stangata nei confronti degli automobilisti romani. A scatenare la protesta è stata, inoltre, la decisione del Partito Democratico di realizzare una corsia preferenziale a via Boccea, con il serio rischio di implementare il traffico già saturo.

Ha dichiarato Andrea Saponaro, capogruppo di Fratelli d’Italia nel Municipio XIII: “Questo pomeriggio abbiamo manifestato a via Boccea per ribadire la nostra vicinanza ai cittadini colpiti duramente e nuovamente dalla folle politica di Ignazio Marino. Siamo fortemente contrari a questo nuovo piano della mobilità voluto dal sindaco di Roma e dalla sua giunta. In poche parole verranno aumentate le tasse di chi usa mezzi privati, come l’aumento del costo delle strisce blu e la proposta di eliminare tutte le strisce bianche anche per i residenti o come il pedaggio nell’anello ferroviario, e ridotti i servizi di trasporto pubblico sopprimendo di fatto numerose linee Atac.

Per i residenti del Municipio XIII, però, la vera novità è un’altra. Infatti grazie a Marino, e con il consenso di tutto il PD romano, a via Boccea sorgerà una corsia preferenziale, compromettendo ancora di più il tanto traffico già presente nella via principale del quartiere. I romani non possono sopportare altro. Questa giunta smetta di perdere tempo per cose che non la riguardano, come la trascrizione illegale dei matrimoni gay celebrati all’estero, e pensasse a difendere gli interessi dei suoi cittadini, ormai da un anno e mezzo completamente abbandonati”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo