16 Maggio 2021

Pubblicato il

Ora lo stop

Milano al potere, doppio crollo Juve: tutti i temi della 14° giornata di Serie A

di Enrico Salvi

Nell'ultimo turno pre-natalizio l'affanno di Atalanta e Napoli e la reazione di Crotone, Genoa e Torino

Rebic Milan Serie A
Ante Rebic, Milan, Serie A

Ultima giornata di questo travagliato 2020 per la Serie A, che va al (breve) riposo natalizio con davanti la fuga a due milanese e nelle retrovie una classifica ricompattata.

Milan e Inter, botta e risposta di carattere: Serie A meneghina

Dopo 10 anni esatti (era il girone di ritorno della stagione 2010-2011, l’ultima prima del dominio bianconero) tornano le milanesi a dettare legge in testa alla classifica. La “fuga a due” (6 punti sulla Roma terza) è lungi dall’essere definitiva, siamo a poco più di un terzo di campionato, ma le prove di forza di ieri non sono da sottovalutare.

Il Milan, come spesso è accaduto nell’ultimo periodo, ha capovolto la situazione nel recupero. Così come nel pareggio col Parma, al minuto 91 è decisiva la zampata del solito Theo Hernandez per vincere una partita che la Lazio è riuscita a riprendere nel secondo tempo (decisivi poi in negativo i cambi di Inzaghi). Ancora una volta una prova di carattere per i rossoneri, che in uno scontro diretto riescono a sopperire alle mancanze di Ibra, Kjear e Bennacer con un ritrovato Rebic in zona gol. Ora il meritato riposo da prima della classe con il record di unica squadra ancora imbattuta nei 5 principali campionati europei.

Se il Milan non rallenta, l’Inter ribatte colpo su colpo e conquista la settima vittoria consecutiva. Nell’insidiosa trasferta al Bentegodi l’Inter non gioca divinamente e non crea molte occasioni, ma trasforma le poche concesse con Lautaro Martinez, che sopperisce ad un Lukaku stranamente a secco. Un Hakimi sempre più devastante sulla destra e il colpo di testa vincente di Skriniar portano l’Inter sempre più seconda, al netto anche dell’errore da matita blu di Handanovic che concede all’Hellas il momentaneo pareggio.

Juventus, 6 punti persi in 4 ore: crollo psicologico e di classifica

In borsa si direbbe “martedì nero”. La Juventus non poteva immaginare una giornata così storta come quella del 22 dicembre 2020, in campo e fuori. Dopo il ribaltone giudiziario che ha stabilito l’annullamento della vittoria a tavolino contro il Napoli, i bianconeri vengono ribaltati anche dalla Fiorentina di Prandelli, che torna a vincere a Torino dopo 12 anni. Il rotondo 0-3 rimediato all’Allianz Stadium racconta di una Juve scesa in campo anche psicologicamente in difficoltà – a causa della sentenza di 2 ore prima? – andata sotto subito di un gol e di un uomo e ostacolata nel recupero da qualche discutibile decisione arbitrale.

Fattori interni ed esterni che hanno provocato la prima sconfitta in campionato per Pirlo: tra un Bonucci disastroso e un CR7 che non può sempre risolvere da solo le partite, rimane il dubbio se la vera Juve sia questa oppure quella vista a Barcellona e Parma. Un progetto nuovo comporta periodi di rodaggio e a corrente alternata, ma in poco più di quattro ore la Vecchia Signora è passata dal terzo posto solitario a -4 dal Milan al sesto con un 10 lunghezze da recuperare. Non sarà il Natale più sereno degli ultimi anni a Vinovo.

Roma e Sassuolo: i 3-2 che valgono posti Champions

Tra campo e tribunale la Juventus lascia il posto più basso del podio provvisorio alla Roma, che batte 3-2 il Cagliari e riparte dopo la scoppola rimediata nel secondo tempo di Bergamo. 3 punti sofferti per Fonseca, con una squadra che ha momenti ancora di amnesia nel corso della partita e alcune impostazioni da dietro che lasciano a desiderare. Notevole il numero di occasioni create, alcune delle quali sventate da Cragno (quest’ultimo sempre più in odore di big e Nazionale), altre sbagliate malamente (ad esempio Pedro). A proposito di terzini/laterali in forma, sta sbocciando definitivamente anche Rick Karsdorp, preziosissimo nei primi due gol dei giallorossi.

A ruota segue il Sassuolo di De Zerbi, corsaro a Marassi contro la Samp con lo stesso risultato. Dopo il pareggio di Quagliarella in risposta al vantaggio di Traoré, i neroverdi reagiscono con due contropiede fulminei in tre minuti chiusi con un pizzico di fortuna da Caputo e Berardi. Tanta intensità in fase di possesso con le frecce giuste: gli emiliani passano un Natale in zona Champions e possono continuare a sognare anche in primavera, a patto di una solidità difensiva più continua.

Napoli e Atalanta, affanno prenatalizio per motivi differenti

Rallentano nel gruppo di testa il Napoli e l’Atalanta. Evidente soprattutto quello dei partenopei, che hanno sì recuperato un punto e una partita con la sentenza di martedì, ma che nelle ultime 3 partite hanno raccolto un solo punto. Come già anticipato in questa sede, pesa l’assenza di ricambi in attacco e nel trasformare in gol le occasioni pesano gli stop di Mertens e Osihmen. A togliere le castagne dal fuoco contro un redivivo Torino ci ha pensato una magia di Lorenzo Insigne, sempre più trascinatore degli azzurri, a parte il rosso con polemica di una settimana fa a Milano.

Anche la Dea fa fatica e si ferma dopo il roboante secondo tempo contro la Roma. Muriel ha messo la partita in discesa a Bologna, ma cali di tensione ed errori di reparto hanno rimesso in gioco i rossoblu per un pareggio sostanzialmente meritato. I nerazzurri faticano a trovare la continuità in Serie A: da inizio ottobre non vincono 2 partite di fila e sono al momento settimi. La pausa e la risoluzione del caso Gomez aiuteranno un Gasperini rammaricato per l’occasione persa.

Zona salvezza: Benevento e Crotone splendono, classifica più ricompattata

Nella parte di destra della classifica continua a stupire il Benevento che, corsaro ad Udine, è addirittura passato dalla parte sinistra, al 10° posto solitario. La squadra di Inzaghi ha perso una sola partita nelle ultime sette, gioca sempre e comunque per vincere e sembra confermare le attese della vigilia, che la volevano autrice di una salvezza tranquilla. È ancora presto, ma 8 punti di vantaggio sulla terzultima è un bel tesoretto a Natale. Da dietro tuttavia ripartono le squadre più in difficoltà, Crotone, Genoa e Torino e nella zona calda nulla sembra essere scontato, soprattutto con i calabresi che si sono sbloccati nell’ultimo mese.

Ci Piace e Non ci Piace: Ballardini e Liverani

Premio positivo di giornata al tecnico del Genoa Davide Ballardini, tornato per la quarta volta sulla panchina rossoblu con la missione di sempre: salvare il Grifone. Arrivato lunedì, ha subito dato una sterzata alla squadra che ha vinto lo scontro diretto (nonché derby regionale) con lo Spezia: la vittoria in Serie A mancava addirittura dalla prima di campionato.

Premio negativo per Fabio Liverani, che rischia la panchina del Parma dopo la sconfitta a Crotone. L’ultima vittoria dei ducali risale proprio a quella contro il Genoa, sei partite fa, e con tre pareggi nelle ultime cinque uscite il margine sulla zona rossa si è ridotto a sole due lunghezze. Sarà fondamentale alla ripresa il match contro il Toro ultimo in classifica.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento