14 Giugno 2021

Pubblicato il

Milano 90, protestano i dipendenti a rischio cassa integrazione

di Redazione

Ingressi sbarrati per protesta agli uffici dei dipendenti capitolini: "Marino ci hai lasciato in mezzo alla strada"

Tutti gli impiegati della società Milano 90 sono oggi a rischio cassa integrazione per il mancato rinnovo del contratto alla società da parte di Roma Capitale.

Per questo i dipendenti dell'azienda che gestiva i servizi legati agli affitti dei due palazzi di via delle Vergini e largo Loria, dove si trovano alcuni uffici del Campidoglio, hanno protestato stamane proprio di fronte agli edifici, dei quali hanno sbarrato l'ingresso, costringendo i dipendenti capitolini a rimanere per strada.

I dipendenti e i rappresentanti dei sindacati hanno spiegato che l'azione dimostrativa, assieme alla proclamazione di uno sciopero per la giornata di oggi, è stata attuata "contro l'indifferenza e le continue prese in giro di Roma Capitale", che, secondo i rappresentanti dei lavoratori, "non ha mai aperto il tavolo di confronto promesso con l'azienda".

"Il Comune si era impegnato il 27 gennaio a sedersi a un tavolo per ricontrattare gli accordi con Milano 90, salvando così i posti di lavoro", hanno spiegato alcuni rappresentanti all'agenzia DIRE, mentre a dicembre "aveva già firmato con altri soggetti per spostare gli uffici di via delle Vergini e questi di largo Loria in alcuni stabili in via del Tritone e via della Panetteria, di proprietà di un altro imprenditore, risparmiando quasi zero". 

"Andremo a parlare con l'assessore al Patrimonio, Alessandra Cattoi, per capire perché non si siedono al tavolo", hanno aggiunto i rappresentanti dei sindacati, mentre sul portone d'ingresso dello stabile campeggia un volantino: "Marino hai messo in mezzo a una strada i dipendenti di Milano 90 e nemmeno ci vuoi parlare? Adesso ci lasciamo i tuoi dipendenti, così capisci che si prova"

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento