06 Maggio 2021

Pubblicato il

Migranti, Salvini, eccetera. Occhio, che il sensibile Lapo Elkann si intristisce

di Redazione

La solita fiera dei buoni sentimenti. O presunti tali. Quattro frasi buttate lì per tirare altra acqua al mulino dell’immigrazione pressoché incontrollata

Lezioncina di galateo… migrantesco. Anzi no: migrantesco non va bene, perché al signorino Lapo Elkann la parola “migranti” non piace. Gli sembra  "denigratoria e non rispettosa". E che parola gli piace, allora? Gli piace "nuovi italiani".

E in che cosa consiste la lezioncina? In una bella tirata d’orecchie alle pubbliche autorità. E per estensione, si capisce, a ogni altro cittadino che si sarebbe comportato allo stesso modo. O che comunque non ci ha trovato niente di strano.

Insorge il filantropico Lapo: «Trovo abbastanza vergognoso che nessuna delle istituzioni fosse presente a Lampedusa per la tragedia di migranti che si è consumata: da italiano mi intristisce, noi paghiamo i politici e loro devono essere presenti».

Poi, già che c’è, passa dal pistolotto generico allo j’accuse specifico e se la prende, tra i tanti, con uno in particolare: "Non mi piace Salvini, non mi piace il suo comportamento sul tema dei migranti perché lo reputo dissolutivo e non costruttivo. Poi ognuno è libero di avere le proprie opinioni".

Meno male: iniziavamo a temere che ognuno dovesse obbligatoriamente conformarsi agli slanci “welcome everybody” del rampollo di casa Fiat (anzi: di casa Fiat-Chrysler, oramai) e invece scopriamo, con animo lieto, che permane la facoltà di pensarla diversamente.

Sono soddisfazioni, di questi tempi.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento