17 Settembre 2021

Pubblicato il

Matteo Salvini si confessa: “A casa mia canto Roma Capoccia”

di Redazione
Salvini parla della manifestazione di domani. E intanto oggi i Movimenti hanno effettuato un blitz anti-Salvini

"Tutto pronto per domani, spero solo che a Roma ci sia il sole. Mi aspetto una piazza piena, tranquilla e gioiosa". Così Matteo Salvini durante la trasmissione di Roberto Arduini e Andrea di Ciancio, ECG Regione Lazio sulle frequenze di Radio Cusano Campus, parla della manifestazione di domani in piazza del Popolo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo aver dato vita a un blitz anti-Marino durante il quale ha dichiarato di voler salvare i romani dal "sindaco calamità", il segretario del Carroccio ci riprova ancora a mettersi nei panni dei romani e si improvvisa a canticchiare, in un romanaccio claudicante, una versione rifatta di 'Roma nun fa la stupida stasera'. Ovvero: 'Roma nun fa la stupida domani, damme 'na mano a mandà Renzi e Marino a casa'. E poi la confessione: "Musicalmente mi piace tantissimo Venditti, ad esempio a casa mia qualche volta canto 'Roma capoccia' ". 

Ma c'è posto anche per il serio, oltre che per il faceto. "Contiamo su un'invasione pacifica – continua Salvini – Daremo voce a chi sta perdendo il lavoro, a chi ha difficoltà con la casa e non vuole vivere in condizioni di insicurezza. Saremo in piazza del Popolo dalle 15 e la lasceremo più pulita di come l'avremo trovata", promette ancora. L'intenzione del leader della Lega è quella di costruire "un progetto serio, credibile e coerente".

Certo, la manifestazione di domani sarà la prova del nove. Se da una parte Salvini sostiene di ricevere numerose richieste da parte dei romani, che lo fermano per chiedergli di venire a fare il sindaco nella Capitale al posto di Ignazio Marino – "vuol dire che la politica romana non è in grado di dare quelle risposte che in tanti vorrebbero", commenta Salvini – dall'altra c'è bisogno di recuperare credibilità e consensi. La Lega, per molti, è ancora 'Roma Ladrona'. Ma su questo punto, Salvini vuole chiarire: "E' evidente che ci riferivamo ai tizi di Mafia Capitale, sicuramente non al tassista, all'edicolante o al panettiere, che invece della Roma ladrona sono le prime vittime".

Un'operazione, quest'ultima, che non si preannuncia facile. Oggi infatti è andato in scena un blitz di preparazione alla seconda manifestazione che domani scuoterà le vie del centro di Roma, quella antileghista, dal nome #MaiConSalvini e #RomaNonSiLega. Decine di attivisti dei movimenti per il diritto all'abitare hanno occupato le navate della la basilica di Santa Maria del Popolo e hanno srotolato gli striscioni con su scritto 'Mai con salvini, mai con Renzi, respingiamoli'. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo