Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2022

Pubblicato il

Le multe più assurde durante il lockdown? Le ha raccolte Flavia Perina

di Giulia Bertotto
Un appuntamento, quello della sua pagina Facebook, dal sapore distopico e comico, in un momento apocalittico e grottesco della nostra storia moderna

“Multe” di Flavia Perina, è un modo di rubricare alcune delle multe più surreali che sono state emesse in tempo di lockdown, sulla sua pagina Facebook. Quasi per gioco e per segnalare la confusione del momento, ha iniziato a raccogliere le multe più assurde che i cittadini hanno ricevuto per essere usciti in periodo pandemico, magari per la spesa o per andare al lavoro. Un appuntamento, quello della sua pagina Facebook, dal sapore distopico e comico, in un momento apocalittico e grottesco della nostra storia moderna.

“In realtà – dice Flavia Perina – rubricare alcuni temi è una sorta di gioco su Facebook che facevo già prima del lockdown: c’era la Rubrica Alberi, con segnalazioni sugli alberi tagliati indiscriminatamente a Roma, o Cinghiali, con le foto di cinghiali mandate dai cittadini, e molte altre. In questo caso ho iniziato a pubblicare multe segnalate dai miei contatti Fb, tanti hanno iniziato a inviarmele e ho proseguito per un po’. Così è diventato qualcosa più di un gioco: la segnalazione di problemi consistenti nell’interpretare le norme del lockdown”.

Ma quali sono le multe più surreali? “Forse la persona che è stata sanzionata perché stava andando in farmacia a 5 chilomentri di distanza, ma secondo gli agenti si sarebbe dovuta recare in quella a 15 chilomentri di distanza…Oppure un commesso di supermercato che è stato multato per 400 euro per aver attraversato il parco con la bici rientrando dal lavoro, quando il parco non era neppure transennato e non lo stava percorrendo per fare sport ma come scorciatoia, o il dottore campano sanzionato e fatto passare per un ‘runner che si professa medico’ ”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo