21 Settembre 2021

Pubblicato il

La proposta. A Roma valorizzare turismo gay

di Redazione
Approvata risoluzione in Municipio I per incentivare il turismo gay: aprire un tavolo con associazioni di categoria

Il Consiglio del Municipio Roma I Centro ha approvato una Risoluzione per la valorizzazione del turismo LGBTQ, secondo quanto apprendiamo dai cnsiglieri di SEL Mauro Cioffari e Graziella Manca, firmatari dell'atto approvato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Il turismo rivolto a persone LGBTQ (gay, lesbian, bisexual, queer)", dichiarano Cioffari e Manca, "ha raggiunto, come forma di industria turistica, un importante rilievo negli ultimi anni, dal momento che sono sorti, in Italia come nel mondo, agenzie di viaggio, tour operator, linee di crociera e aeree, enti del turismo nazionali o regionali che si sono rivolti a questa comunità, in maniera esclusiva o come una delle tante nicchie di mercato da scoprire". "Nel maggio 2014", ricordano Cioffari e Manca", nel territorio del I Municipio si è tenuto l’Expo Turismo Gay patrocinato dal Comune di Roma Capitale e dal Ministero del Turismo". 

Secondo Tourism Intelligence International, "circa il 10% dei turisti internazionali sono gay o lesbiche: 70 milioni di turisti che costituiscono ormai un importante segmento di mercato destinato a crescere. Il Turismo LGBTQ restituisce all’Italia ogni anno 2,7 miliardi di Euro (dati Expo Turismo Gay)" – incalzano i due, per cui "questo settore rappresenta un flusso turistico in costante crescita che può portare nuove opportunità alle strutture ricettive nel nostro territorio contribuendo, allo stesso tempo, a far crescere nella popolazione locale un sentimento di accoglienza e ospitalità anche verso questa tipologia di turisti". 

Da questi presupposti, scaturisce la risoluzione che, approvata, impegna "la presidente Sabrina Alfonsi e la Giunta municipale ad attivarsi per aprire un tavolo di lavoro con le strutture turistiche ricettive, in collaborazione con le associazioni LGBTQ presenti sul territorio e con la rete Ready (rete enti e amministrazioni locali contro le discriminazione per orientamento sessuale ed identità di genere), al fine di favorire l’incremento dei flussi turistici LGBTQ creando sinergie anche con Regione Lazio, con Roma Capitale e con le associazioni operanti nel settore (AIGTL – Associazione Italiana Turismo Gay & Lesbian) per avviare uno studio approfondito sulle buone pratiche da ripetere e mettere in atto come Municipio di concerto con le strutture ricettive".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo