Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Gennaio 2022

Pubblicato il

Buona Epifania!

La Befana vien di notte… ed è legata anche a William Shakespeare

di Mirko Ciminiello
Le origini della vecchina che riempie di dolci le calze dei bambini derivano probabilmente da Santa Lucia. E il Bardo omaggiò la festività ne “La dodicesima notte”
befana
Befana

La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte
con il naso alla romana
viva viva la Befana!

Chi non conosce, anche in altre varianti, la filastrocca dedicata alla vecchina che la notte dell’Epifania riempie di dolci le calze dei bambini? Una figura che, verosimilmente, trae origine da quella di Santa Lucia, proprio come Babbo Natale discende da San Nicola. Come rispecchia tra l’altro il nome anglosassone Santa Claus.

santa lucia, befana
Santa Lucia (283-304)

Altri ritengono invece che la tradizione sia nata in ambito celtico per essere poi assimilata dagli antichi Romani. Da qui discenderebbe l’aspetto da anziana della Befana, emblema del vecchio anno che cede il passo al nuovo. Lasciando alle spalle il freddo e le lunghe notti che precedono il solstizio d’inverno per abbracciare la promessa di un’altra primavera.

solstizio d'inverno, befana
Solstizio d’inverno

La simbologia sarebbe quindi stata ripresa dalla Chiesa, con un riferimento anche all’episodio evangelico dell’adorazione dei Magi. Ma, soprattutto, con una circostanza cronologica che richiama anche William Shakespeare.

Shakespeare, l’Epifania e la Befana

Gli antichi Romani celebravano la morte e la rinascita della natura nella dodicesima notte dopo il solstizio d’inverno – numero probabilmente correlato ai mesi dell’anno. Lo stesso intervallo temporale si riscontra, fin dal IV secolo d.C., tra il Santo Natale e l’Epifania, la manifestazione di Nostro Signore Gesù Cristo. Ed è possibile che non sia un caso, poiché la ricorrenza cattolica potrebbe aver assorbito quella pagana.

Gesù nella gloria dei cieli
Gesù Cristo nella Gloria dei cieli

È certamente voluta, invece, l’allusione fatta dal Bardo nella commedia La dodicesima notte, che evoca proprio i giorni che trascorrono tra le due festività. Tanto che si ipotizza che la prima rappresentazione assoluta si sia tenuta proprio un 6 gennaio – del 1601. Un rimando esplicito è contenuto nel film Shakespeare in love, quando la Regina Elisabetta I commissiona al genio di Stratford-upon-Avon un’opera per il giorno dell’Epifania.

william shakespeare
William Shakespeare (1564-1616)

Data che, com’è noto, “tutte le feste porta via” – ma è inutile angustiarsi leopardianamente prima del tempo. E, dunque, buona Epifania a tutti!

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo