Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Ottobre 2022

Pubblicato il

Influenza dei pomodori: il virus che colpisce i bambini arriva dall’India

di Redazione
Registrati focolai del virus che ha colpito alcuni bambini sotto ai 5 anni, vediamo di che si tratta
Ricerca coronavirus
Scienziati in laboratorio

Una nuova forma influenzale, dal buffo nome “tomato flu” o “influenza dei pomodori”, sta creando un certo allarme in India dopo la segnalazione di decine di casi tra i bambini. E’ una variante delle infezioni mani-bocca-piede e si manifesta con gonfiori sulla pelle che si trasformano poi in ulcere, ricordando appunto dei pomodori.

Influenza dei pomodori: Lancet Medicine rassicura sul virus

Secondo i medici è difficile da diagnosticare perché causa sintomi simili al Covid-19, alla Chikungunya (malattia virale caratterizzata da febbre acuta e trasmessa dalla puntura di zanzare infette) e alla Dengue (trasmessa da 4 virus veicolati dalle zanzare). I sintomi iniziali sono febbre lieve, carenza di appetito e gola infiammata. La trasmissione avviene probabilmente attraverso il contatto con i fluidi corporei e la via oro-fecale.

Il ministro alla Salute ha invitato tutti gli Stati indiani a prestare massima attenzione, rendendo noto che un’ottantina di bambini sotto i cinque anni sono stati ricoverati con i sintomi di questa malattia. Il dottor Suneela Garg, ufficiale sanitario del governo di Delhi, ha detto: “Chikungunya e Dengue potrebbero rendere i bambini vulnerabili all’influenza dei pomodori, perché il loro sistema immunitario è indebolito. A oggi non ci sono casi in città e sono convinto che non diventerà un problema”.

Anche secondo un articolo pubblicato sulla famosa rivista scientifica Lancet Respiratory Medicine “la rara infezione virale è attualmente in uno stato endemico e non viene considerata pericolosa per la vita”.

Aborto, la polemica tra Chiara Ferragni e Giorgia Meloni e gli obiettori di coscienza

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo