28 Luglio 2021

Pubblicato il

L'intervista per capire

Incidente di Alex Zanardi: intervista al chirurgo maxillo-facciale

di Redazione

Incidente Alex Zanardi. Abbiamo intervistato il noto professor Francesco Riva, chirurgo maxillo-facciale e consigliere del CNEL

alex zanardi
Alex Zanardi

Incidente Alex Zanardi. Abbiamo intervistato il professor Francesco Riva, chirurgo maxillo-facciale e consigliere del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), per capire cosa può comportare su un volto il violentissimo impatto che ha coinvolto il paraciclista Alex Zanardi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Incidente Alex Zanardi e la questione del casco

“Il gravissimo incidente che ha coinvolto Zanardi, vede nella dinamica un impatto diretto contro un camion e questo ha comportato uno sconquasso cranio-facciale. Il punto è capire se il casco si è rotto con l’impatto o si è tolto prima. Io credo si sia rotto con l’impatto. Ma essendo un casco non integrale e robusto, Zanardi ha battuto le ossa frontali del volto in maniera violentissima.

Alex è stato operato d’urgenza e il chirurgo in casi come questi deve dare la priorità alla sopravvivenza, a salvare la vita: quindi stabilizzare i valori, intervenire se c’è stato un ematoma cerebrale e decomprimere il cervello e riportare le ossa del cranio in posizione corretta.

Il paziente era instabile, infatti è ancora in prognosi riservata, per questo si è data la precedenza a cose più urgenti dell’intervento maxillo-facciale. Sicuramente vi sono fratture delle ossa orbitali e dischi oculari e della zona mascellare superiore. Questo è quello che possiamo ricostruire perché il caso è secretato. Se fossero avvenute fratture della volta cranica avrebbero portato alla morte. Anche questo elemento fa pensare che il casco fosse addosso e che non si sia sfilato prima dell’impatto”.

I medici sono colpiti dalla resistenza e dalla tenacia dell’organismo e della persona di Alex.

“Sicuramente in questo caso dalla sua parte e in aiuto ai medici, c’è un corpo sportivo, allenato, ossigenato. Seppur amputato il suo corpo è quello di un atleta di altissimo livello. Un uomo che segue una corretta alimentazione, non ha vizi alimentari o di altri generi e questo gli ha permesso di essere un paziente ottimale”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento