Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Novembre 2021

Pubblicato il

Il Lago dei Cigni alle Terme di Caracalla

di Redazione
Per la categoria Balletto torna il classico dei classici. Appuntamento oggi e martedì, ore 21

I cigni danzano a Caracalla, stasera, in occasione del penultimo appuntamento con il grande balletto che vedrà protagonista l'amatissima rappresentazione del ‘Lago dei cigni’.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dal 2001 il complesso archeologico delle Terme di Caracalla, luogo incantevole ed emozionante, fa da sfondo agli spettacoli della stagione estiva che vede unite l’Orchestra, il Coro, il Corpo di Ballo e tutte le maestranze del Teatro dell’Opera di Roma. La manifestazione intende valorizzare “il rapporto tra lo spazio teatrale e quello archeologico, a svelare l’unicità, la bellezza e la ‘modernità’ del teatro lirico”, come si legge sul sito web del Teatro. Quest’anno, per la categoria del balletto, è stato scelto il classico dei classici: il ‘Lago dei cigni’.

Il ‘Lago dei cigni’ è tra le performance più amate dal pubblico, insieme a ‘Lo schiaccianoci’ di Pëtr Il’ič Čajkovskij, presentato nella coreografia di Patrice Bart, apprezzata e applaudita dal pubblico lo scorso anno. Tra le protagoniste che si alterneranno per dare corpo con straordinaria eleganza a Odette, la principessa tramutata in cigno dal mago Rothbart, Ludmila Pagliero (étoile dell’Opéra di Parigi), Iana Salenko (Principal Dancer dello Staatsballett di Berlino), Alessandra Amato (prima ballerina del Teatro dell’Opera di Roma); nelle vesti del principe che si innamora di Odette e giura di liberarla dal malvagio incantesimo si alterneranno Paulo Arrais e Giuseppe Picone.

Appuntamento quindi da non perdere con la raffinatezza e la classe del balletto del Teatro dell’Opera di Roma in scena con uno spettacolo che fa sognare grandi e piccoli stasera alle ore 21.00 e martedì 15 luglio per l’ultima delle serate.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo