21 Settembre 2021

Pubblicato il

Il j’accuse della Fondazione sanitaria

Green pass a 12 mesi, GIMBE: “È una decisione politica, non scientifica”

di Mirko Ciminiello
La ricerca evidenzia il calo dell’immunizzazione dopo 6 mesi. E l’estensione della validità del certificato verde serve solo a prendere tempo in attesa che si autorizzi la terza dose
green pass
Green pass o Certificato verde

Il Comitato tecnico scientifico ha avallato la proroga del Green pass a 12 mesi (dagli attuali 9) per i vaccinati. Un giudizio piuttosto controverso, visto che la letteratura scientifica sembra andare invece in senso contrario. Come non ha mancato di segnalare, con accenti vagamente polemici, anche l’ultimo report della Fondazione GIMBE.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Green pass a 12 mesi

Il Cts ha dunque dato parere positivo al prolungamento della validità del Green pass a 12 mesi, salvo che «fatti scientifici emergenti» non suggeriscano ripensamenti. Una clausola, quest’ultima, decisamente problematica, considerato che potrebbe già essere stata abbondantemente superata dalla realtà.

La pensa così la Fondazione GIMBE, l’ente che monitora settimanalmente la pandemia da Covid-19. Che ha sottolineato come i dati indichino «una riduzione degli effetti della copertura vaccinale a partire dal 6° mese». E che dunque «l’eventuale decisione di» estendere la scadenza del certificato verde «per le persone vaccinate o guarite non è ad oggi sostenuta da evidenze scientifiche».

fondazione gimbe
Logo della Fondazione GIMBE

Si tratterebbe cioè di una scelta puramente politica, volta a «coprire il “buco temporale” in attesa delle decisioni delle autorità regolatorie sulla somministrazione della terza dose». Come ha evidenziato tra l’altro il presidente dell’organizzazione sanitaria Nino Cartabellotta.

La querelle sulla terza dose

A ottobre, infatti, scadranno i primi certificati di immunizzazione, quelli rilasciati a operatori sanitari e over 80 inoculati tra dicembre 2020 e gennaio 2021. E nel frattempo si continua a discutere della possibilità di un nuovo richiamo, che Roberto Speranza, Ministro nomen omen della Salute, recentemente ha dato per certo. Anche se l’Oms continua a sostenere che non sia necessario.

green pass a 12 mesi, roberto speranza
Il Ministro della Salute Roberto Speranza

Si è ipotizzata anche una roadmap che si articolerebbe in tre fasi. E che prevedrebbe l’ulteriore iniezione alle categorie più a rischio a partire da ottobre, per arrivare gradualmente alla liberalizzazione dopo gennaio 2022.

Beninteso, il j’accuse non ha nulla a che vedere con l’efficacia della campagna di vaccinazione. Che, per dirne una, ha salvato «la stagione turistica estiva», come ha rimarcato lo stesso Cartabellotta. Il problema, semmai, sta nell’atteggiamento di un certo establishment che delibera «nel campo nella creatività», come ha affermato tranchant il microbiologo Andrea Crisanti.

green pass a 12 mesi, andrea crisanti
Il microbiologo Andrea Crisanti

Il che, per carità, è assolutamente legittimo. Basta ammetterlo. E, soprattutto, basta evitare di ripararsi dietro il paravento della scienza, che non è abbastanza grande per nascondere la demagogia istituzionale.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo