Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2022

Pubblicato il

Governo Meloni, i retroscena e le ultime indiscrezioni

di Marco Antonellis
Governo Meloni: retroscena e ultime indiscrezioni di un governo debole
Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

La tregua con Silvio Berlusconi è durata meno di 24 ore. Berlusconi, è sempre il solito. Meloni non ha fatto nulla per convincerlo perché, alla fine, le trattative per i ministri sono state troppo sbilanciate. Meloni ha fatto tutto per Salvini, per salvargli la segreteria e per staccarlo dall’alleanza con Berlusconi.
In realtà a Forza Italia, oggettivamente, Meloni ha dato troppo poco e Berlusconi, giustamente, vuole di più.

Da qui tutti i dissidi. Aggiungiamo anche che Berlusconi, come personaggio politico, è stato quello che è stato e non accetta la leadership di Giorgia Meloni.
La tratta ancora come fosse una ragazzina, come fosse ancora il suo Ministro della Gioventù, insomma. Questo è uno dei temi di fondo. Vedremo se riescono a chiudere.

Meloni vorrebbe chiudere entro domenica, con Mattarella, ma è chiaro che, se continua così, è difficile. Se riuscisse, farà partire un Governo troppo debole, che può venire giù alla prima crisi o al primo problema nazionale o internazionale.

Un governo che parte debole è uno azzoppato, ed è un rischio per il Paese

All’Italia serve un governo molto forte e molto autorevole. Questo non è autorevole, perché i nomi che circolano dei Ministri sono tutti abbastanza ordinari. Non ci sono fenomeni, non c’è nulla che faccia gridare al miracolo.

I nomi sono tutti di politici di livello medio. Non ci sono né gli Andreotti, né un Cossiga e nemmeno un Forlani. Vuole nominare come Ministri tutti politici di statura medio-bassa. Non avrà autorevolezza ai tavoli internazionali.

Pure Giorgetti, se diventerà Ministro dell’Economia, non ha le caratteristiche per trattare ad alto livello, non è certo la persona giusta. Giorgetti è un politico tutto italiano, tutto parlamentare, non è una figura che ha grandi rapporti internazionali, che servono adesso soprattutto al Ministero dell’Economia.

Se parte un governo così debole, diventa un rischio per il Paese. Giorgia Meloni faccia bene i conti. Se riesce a fare un Governo, degno di questo nome, è bene. Altrimenti, se è solo un fatto di spartizione di poltrone, lasci perdere perché il Paese non ha bisogno dell’ennesimo governicchio.

È  tornata la politica, e non è un male in sé che sia tornata, anzi, in termini generali è un bene; il problema è che è tornata la politica con la “p” minuscola.

È  tornato il teatrino della politica

Questo teatrino, con le guerre di mezzo, al Paese non serve, senza considerare che sono stati eletti due personaggi a Camera e Senato… La Russa può anche andar bene, però La Russa deve capire che il Presidente del Senato è di tutti e si deve comportare come tale, cioè deve smettere di fare il capocorrente. Deve anche apparire super partes, e se non lo capisce l’Italia ha un problema.
Lo stesso dicasi su Fontana, perché qualche cosa su Putin la doveva dire. Lui rappresenta tutti gli italiani e la sua posizione su Putin sappiamo qual è. Anche lui rappresenta tutti gli italiani, Fontana. Non rappresenta solamente la parte cattolica o la parte Leghista, che ha dei dubbi sulle sanzioni.

Rappresenta tutta l’Italia e si deve attenere a quella che è la posizione ufficiale dell’Italia. In quanto rappresentante delle istituzioni deve avere opinioni istituzionali, non può mettersi a fare il leghista che ha ancora un certo affetto per Putin e via dicendo. Non deve ragionare come leghista o come capo di una corrente leghista o solamente come cattolico, alla presidenza della Camera rappresenta tutti gli italiani, anche chi non la pensa come lui e anche chi non è cattolici. 

Abbiamo un vulnus  serio delle istituzioni. La Russa che deve smetterla di fare il capocorrente e deve smetterla di partecipare alle riunioni politiche: se sei il Presidente del Senato devi attenerti a delle regole molto formali, altrimenti non lo fai. E Fontana uguale, deve rispecchiare le opinioni di tutti gli italiani, non può dire solo quello che gli fa comodo, altrimenti fai il capo politico non fai il Presidente della Camera.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo