Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2022

Pubblicato il

Governo, il pavido silenzio rosso-giallo davanti agli affronti della Turchia

di Mirko Ciminiello
Erdogan manda una nave a trivellare i giacimenti ciprioti assegnati a Eni: ma il Premier Conte tace, preferendo usare la Marina come taxi dei clandestini

A volte capita che accadano fatti gravissimi di cui però l’opinione pubblica viene sapientemente tenuta all’oscuro: e se un tempo simili condotte venivano giustificate dalla ragion di Stato, oggi, più banalmente, si fa appello a mere ragioni, diciamo, di opportunità.

Così, per esempio, è passato quasi sotto silenzio l’affronto della Turchia, che il 18 gennaio scorso ha mandato la Yavuz, una nave per perforazioni petrolifere, a trivellare un “blocco” a sud di Cipro che è stato dato in concessione a Eni e alla francese Total: con la (risibile) motivazione che l’assegnazione dei lotti sarebbe spettata anche alla fantomatica Repubblica di Cipro del Nord – in realtà inesistente perché riconosciuta solo dal Paese anatolico. Peraltro non è nemmeno la prima provocazione, se si pensa che già nel febbraio 2018 un’unità militare ottomana aveva bloccato un’imbarcazione dell’Eni diretta verso i giacimenti di cui la società fondata da Enrico Mattei aveva – e ha tuttora – l’esclusiva.

Questioni di nazionalismi, dal momento che il Presidente Recep Tayyip Erdogan mira all’indipendenza energetica dalla Russia di Vladimir Putin. Che può anche essere un obiettivo legittimo – ma non a spese di interessi strategici altrui.

«Se la Yavuz avesse provato la stessa mossa nella concessione dell’americana Exxon, si sarebbe mossa la Sesta Flotta» è stato infatti uno dei commenti più gettonati tra gli addetti ai lavori: che hanno impietosamente paragonato la sicura reazione del Presidente Usa Donald Trump a quelle attuate (si fa per dire) dalle Nazioni realmente coinvolte.

Da Oltralpe, per esempio, hanno provato a balbettare qualcosa anche in relazione alle interferenze del Sultano in Libia, ma sono stati zittiti dalla considerazione che il caos nella nostra ex colonia è stato provocato proprio da Parigi. Dalla Ue è arrivata invece una timida diffida, più che altro in ragione delle vibranti proteste di Nicosia.

Silenzio di tomba, invece, dal Governo Conte: il quale, evidentemente preferisce utilizzare la flotta della Marina Militare Italiana come taxi del Mediterraneo a supporto delle ong che lucrano sui clandestini.

Questo, va da sé, solo se non si è in periodo di campagna elettorale, perché l’esecutivo rosso-giallo sa bene come la pensano gli Italiani sull’argomento: non è un caso che, dopo tutte le polemiche sul processo contro il segretario leghista Matteo Salvini, sia stato proprio Giuseppi a tenere per quattro giorni 400 migranti sulla Ocean Viking, per farli sbarcare a Taranto subito dopo che il risultato delle Regionali in Emilia-Romagna e Calabria era stato acquisito.

Un’altra vicenda di cui, probabilmente, nessuno avrebbe saputo niente, se il Capitano non l’avesse portata sotto i riflettori annunciando una denuncia contro l’ex Avvocato del popolo e il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Si chiama realpolitik. O, più propriamente, irrilevanza internazionale. Ahinoi.

Foto dal sito del Governo.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo