Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Settembre 2022

Pubblicato il

Giuseppe Conte: cosa bolle in pentola nel Movimento 5 Stelle? Ecco le novità in arrivo

di Marco Antonellis
Movimento 5 Stelle in attesa della sentenza del tribunale di Napoli
Giuseppe Conte: cosa bolle in pentola nel Movimento 5 Stelle?
L'ex Premier Giuseppe Conte

Per Giuseppe Conte “ci saranno molte novità per il Movimento dopo le amministrative. Dovete avere un po’ di pazienza e vedrete che ci saranno grandi novità in arrivo”. Di sicuro però almeno per il momento la data da cerchiare in rosso è quella del prossimo 7 giugno. Già in quella data sapremo molto riguardo al futuro dei 5 Stelle perché si riunirà nuovamente il tribunale di Napoli per decidere sulla legittimità dello statuto. E qui le preoccupazioni di Conte vanno subito a quello che potrebbero fare Di Maio e Grillo qualora il pronunciamento dovesse portare a una nuova sospensiva dei vertici e all’annullamento dell’ultimo voto sulle regole interne.

Movimento 5 Stelle in attesa della sentenza del tribunale di Napoli

Se finisse così per Conte sarebbe l’ennesima sconfitta, anzi, una vera e propria debacle anche se farà di tutto per minimizzare e già da ora i fedelissimi del ex presidente del consiglio si affrettano a far sapere che “indipendentemente da quella che sarà la sentenza, i giudici non potranno fermare il nuovo corso legittimato dal pronunciamento dei cittadini. Andremo avanti, gli attivisti sono con noi, il ragionamento”.

In caso di bocciatura dello Statuto potrebbe nascere un nuovo Movimento 5 Stelle

Insomma, si vedrà quale sarà la decisione del Tribunale ma in caso di esito negativo l’orientamento non sarebbe quello di tornare all’ipotesi del direttorio a cinque; non si esclude infatti di voltare pagina e di intraprendere – sottolinea un “big” pentastellato – la via di un nuovo statuto e di fatto creare un nuovo Movimento 5 stelle. A trazione rigorosamente contiana.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo