27 Febbraio 2021

Pubblicato il

L'intervista

Gianni Tonelli: “Con la tenuità del fatto libere aggressioni ai pubblici ufficiali”

di Giulia Bertotto

Gianni Tonelli critica aspramente la modifica dei Decreti Sicurezza, i quali, spiega, depenalizzano reati contro i pubblici ufficiali attraverso la tenuità del fatto

Tenuità del fatto
Gianni Tonelli

Gianni Tonelli ex Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia, e dal 2018 in Camera dei Deputati con la Lega critica aspramente la modifica dei Decreti Sicurezza, i quali, spiega depenalizzano reati contro i pubblici ufficiali con la tenuità del fatto.

Tenuità del fatto: le parole di Gianni Tonelli

“Nell’approvazione dei Decreti Sicurezza ho proposto questo emendamento che è stato approvato in maggioranza in parlamento. Lo ho sostenuto perché è un principio di buon senso e non una questione corporativa o di divisa. L’emendamento, ora cancellato dal Governo, riguarda le pene contro chi offende o aggredisce un impiegato del pubblico servizio. Da oggi può può essere applicata la tenuità del fatto se do uno spintone a un medico o sputo sulla divisa di un capotreno.

Purtroppo, negli ultimi trent’anni tutto ciò che svolge una funzione pubblica è stato oggetto di delegittimazione e quindi nascono atteggiamenti di avversità verso funzioni e istituzioni pubbliche.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Gli operatori forze dell’ordine sono salvaguardati da questa modifica ma non lo sono i pubblici ufficiali. Non lo sono i medici del pronto soccorso, gli insegnanti (spesso presi a male parole da alcuni genitori), i capotreno, tutta una serie di categorie private del ruolo di pubblico ufficiale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Restituire dignità alle funzioni pubbliche

“Io inserii la protezione per la figura del pubblico ufficiale perché desideravo allargare anche a tutti gli impiegati del pubblico servizio le tutele che hanno le forze dell’ordine. Come possiamo pensare che un autista del bus si alzi e vada ad affrontare un energumeno che cerca di stuprare una donna? O che un infermiere possa correre in soccorso di un collega offeso e vilipeso?

È fondamentale recuperare un principio di realtà verso i terribili fatti che sappiamo accadere ogni giorno. Dobbiamo restituire dignità alle funzioni pubbliche, comprese le forze dell’ordine. È importante anche sottolineare che ristabilire delle pene severe per coloro che insultano o aggrediscono pubblici ufficiali è una norma di prevenzione”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento