19 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, gettò il figlio nel Tevere: confermati 30 anni

di Redazione

La Corte d'Assise d'Appello conferma la sentenza di primo grado a carico di Patrizio Franceschelli

La Corte d’Assise d’Appello ha confermato i trent’anni di reclusione in carcere disposti in primo grado a carico di Patrizio Franceschelli.
L’uomo che buttò il piccolo figlio Claudio, di appena 16 mesi, nelle acque del fiume Tevere è accusato di omicidio volontario aggravato da vincolo di parentela.

E’ stata confermata anche in appello la sentenza di primo grado per Patrizio Franceschelli, l’uomo che buttò il piccolo figlio nel Tevere. La Corte d’Assise d’appello, infatti, dopo poco meno di un’ora di Camera di consiglio ha confermato i trent’anni di reclusione in carcere disposti in primo grado.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento