20 Settembre 2021

Pubblicato il

Europe for Donbass, in piazza anche a Roma per la Novorossiya

di Redazione
In piazza delle Cinque Lune con il Coordinamento Solidale per il Donbass

Si è svolta nella giornata di ieri la manifestazione internazionale "Europe for Donbass" per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla tragedia umanitaria in atto nelle regioni contese del Donbass durante il conflitto Russo-Ucraino e per supportare idealmente lo Stato federale della Novorossiya (Nuova Russia, l'insieme delle regioni russofone dell'Ucraina dell'est autoproclamatosi indipendente il 24 maggio scrso NDR). In Italia, oltre che a Roma, si sono svolti presidi nelle città di Lecco e Potenza e in Europa ad Atene e Belgrado.

Il presidio romano si è tenuto in piazza delle Cinque Lune, alla presenza di una cinquantina di attivisti del Coordinamento Solidale per il Donbass (promotore della manifestazione) assieme ai membri della comunità russa di Roma.

Durante il raduno le donne della comunità russa sono intervenute al megafono per raccontare la drammatica situazione venutasi a creare col perdurare del conflitto e hanno esposto materiale fotografico raffigurante tragiche immagini della popolazione civile del Donbass vittima dei bombardamenti dell'esercito ucraino. Alto tema toccato nella manifestazione è il conivolgimento della NATO nel confilitto che, a detta degli attivisti del Coordinamento, sostiene la Giunta di Kiev contro le popolazioni russofone. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Oggi il popolo italiano ed europeo è sceso in piazza – dichiara Federico Cocco, uno dei responsabili romani del Coordinamento – per manifestare contro il comune nemico di tutti i popoli liberi: l'imperialismo della NATO. La battaglia di libertà della Novorossiya è la stessa battaglia di tutti gli antimondialisti, nel Donbass è in atto un vero e proprio genocidio della popolazione civile e l'occidente rimane incredibilmente a guardare".

*Per maggiori informazioni www.donbassitalia.it o www.facebook.com/donbass.italia

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo