30 Luglio 2021

Pubblicato il

Roma, demolizione ville Casamonica: quelli del clan contro gli agenti

di Redazione

Possono sembrare intemperanze di poco conto. Invece, sono la conferma di un’arroganza da gangster

Normale per un verso. Assurdo per l’altro. E la chiave di volta, nella notizia dei Casamonica che si scagliano contro gli agenti che sorvegliano i lavori di demolizione delle loro ville abusive, è proprio nel coesistere di entrambi gli aspetti.

L’assurdità è quella dei delinquenti che sono convinti di poter spadroneggiare a piacimento. La normalità è l’impotenza collettiva, sociale, giudiziaria, a sanzionarli come si deve. Spazzando via quell’arroganza e sostituendola, finalmente, con la certezza della pena: non la certezza astratta – su cui a chiacchiere sono d’accordo tutti, dal Capo dello Stato al più infido dei penalisti, e dal Primo ministro fino all’ultimo dei politicanti di provincia – ma la certezza concreta. Quella che serve a far capire ai criminali che la lotta contro di loro è senza quartiere. E senza scappatoie processuali o di qualsiasi altro tipo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La realtà, purtroppo, è di segno contrario. I Casamonica hanno tirato la corda per decenni e hanno visto che glielo lasciavano fare. Da bravi delinquenti “di strada” non gliene frega un accidente di ciò che è vero o non vero in teoria, ma badano al sodo: sanno benissimo che qualche rischio lo corrono, e che perciò qualcuno del clan verrà arrestato e passerà dei periodi più o meno lunghi (o più o meno brevi…) in galera, ma sanno ancora meglio che per loro, tutto sommato, il saldo è positivo. Ampiamente positivo. “Lussuosamente” positivo.

Quella che è sempre mancata è la capacità – per non dire la volontà – di fare terra bruciata intorno alla banda. Di tenerla talmente sotto pressione, costantemente sotto pressione, da rendere pressoché impossibile la prosecuzione dei suoi traffici. A cominciare dalla droga e dall’usura ma arrivando anche, eccome, alle occupazioni abusive delle case popolari e alle intimidazioni quotidiane ai danni di chi ha la sventura di abitare nei pressi delle roccaforti del clan.

Ok la demolizione delle ville. Ma non basta

I malavitosi alla Casamonica hanno una logica elementare: che è quella della forza. Il più forte sottomette il più debole. E dicendo “il più forte” intendiamo, ovviamente, il più violento, il più spietato, il più privo di scrupoli.

L’unico linguaggio che possono capire, perciò, è quello della repressione. Si potrebbe dire che vanno rieducati. Ossia che bisogna estirpargli dalla testa, o da dove diavolo si annidano i loro istinti da gangster, la convinzione dell’impunità.

Oltre alle ville, pacchiane e illegali, va rasa al suolo la loro boria. Anche se, purtroppo, non si potrà farlo in un colpo solo.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento