19 Giugno 2021

Pubblicato il

Seconda ondata

Crescono i contagi, lunghe attese ai drive in: i miliardi del Mes adesso ci servono

di Mister Wolf

I miliardi del Mes: si è perso troppo tempo nel discutere delle 'condizionalità', mentre i contagi risalgono e c'è il rischio di un secondo lockdown

Miliardi del Mes
Mes

“Dico che è incomprensibile in un momento tragico come questo non aprire un dibattito serio sulla possibilità di utilizzare il Mes”, parole di Giorgio Trizzino, deputato del Movimento 5 Stelle ma soprattutto medico.

Ben consapevole che la questione “Mes sì-Mes no” è stata ridotta in questi mesi a un dibattito ideologico, più che a una ragionevole analisi dei costi-benefici.

E ora, con i contagi che risalgono vertiginosamente, le ore di coda ai drive-in per i tamponi, i reparti covid tornati a riempirsi, le terapie intensive che in alcune regioni arrivano a livelli pericolosi e la parola lockdown che torna minacciosa alle porte di un lungo inverno, qualcuno dovrebbe spiegare perché si è perso così tanto tempo senza far nulla.

Quando si doveva invece rafforzare una sanità che non reggerebbe l’urto di una seconda ondata. Soprattutto se a farne le spese fossero aree del paese già sofferenti a gestire l’ordinarietà.

Si è perso troppo tempo con ideologia e condizionalità

Si è perso tempo, troppo tempo, nel discutere delle ‘condizionalità’, dei timori di essere soggetti alla ‘sorveglianza rafforzata’, ai possibili ‘aggiustamenti macroeconomici’ e alle ‘misure correttive precauzionali’.

Memori degli effetti che il Fondo salva-Stati (l’espressione più popolare e temuta con cui è meglio noto il Mes) aveva prodotto in Grecia qualche anno fa.

Mettendo tutto nello stesso pentolone, si è voluto a tutti i costi non tener conto della eccezionalità della linea di credito varata per effetto del COVID-19, guarda caso chiamata ‘Pandemic crisis support’. In essa l’unica condizionalità posta per la richiesta del prestito è l’uso delle risorse, volte a coprire spese sanitarie «dirette e indirette».

I 36 miliardi del Mes per ospedali e ricerca

Circa 36 miliardi di euro per ospedali e ambulatori, diagnostica e ricerca farmaceutica. Le possibilità di impiego sono ampie, lo aveva sottolineato il 6 luglio a La Repubblica il segretario generale del Mes Nicola Giammarioli. «Ad esempio, va dai vaccini alla ricerca passando per la riorganizzazione della sanità e la ristrutturazione degli ospedali, ai contributi per le case di riposo fino ad un ammodernamento del sistema sanitario sul territorio e dei medici di base».

I costi?

Se a fine luglio l’Italia avesse chiesto un prestito ricorrendo al Pandemic crisis support, avrebbe affrontato un costo negativo del -0,12% per un prestito a 10 anni e del -0,26% per un prestito a 7 anni. In pratica, avrebbe ricevuto dal Mes più soldi di quanto avrebbe dovuto restituire.

“E’ una opportunità unica – spiega ancora Trizzino – che non merita il livello del dibattito attuale, come se fosse una questione da stadio e non una decisione da cui dipende la vita degli italiani”.

Parole sante. Ma Trizzino dovrebbe spiegarlo ai suoi colleghi di partito, e non solo. A tutti coloro i quali finora, hanno voltato le spalle a questa opportunità lasciando il paese in pericolo di fronte alla seconda temibile ondata del COVID-19. Una responsabilità politica che ovviamente nessuno vorrà riconoscere ma che rischia di esser pagata dolorosamente dai cittadini italiani.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento